Abarth Day: le auto dello Scorpione sulla pista di Lombardore

Fiat Abarth Record Carlo Abarth è uno dei nomi nella storia dell’Automobile che evocano ingegno, passione e velocità. Aveva fatto parte del gruppo di lavoro formato da Ferry Porsche per gestire l’ambizioso progetto sportivo della Cisitalia quale responsabile organizzativo per le gare. Una breve esperienza che gli permise di lavorare a diretto contatto con personaggi dell’automobilismo mondiale quali Rudolf Hruska, Piero Taruffi e Tazio Nuvolari e che si concluse nel 1949 con il fallimento della Cisitalia. Carlo Abarth, che ebbe come pagamento delle sue spettanze le vetture Cisitalia utilizzate dal reparto corse per gare riservate alle automobili derivate di serie e alcune casse contenenti ricambi e materiale vario, diede così inizio alla leggenda che porta il suo nome. Aprì una “officina” in corso Marche a Torino, scegliendo come simbolo il suo segno zodiacale, lo scorpione. Mise in piedi una scuderia con piloti del calibro di Nuvolari, Bonetto, Cortese e ne utilizzò le vittorie come elemento di pubblicità per trainare il fatturato della sua Azienda che produceva  kit per l’elaborazione delle vetture di serie per aumentarne potenza e velocità. Nessuno potrà mai dimenticare le “marmitte Abarth” che, caratterizzate da un suono forte, particolare e di potenza (oltre che da un contributo alle prestazioni delle auto), ebbero un successo determinante nella diffusione del marchio dello scorpione. Seguirono altri prodotti (le pompe acqua, i gruppi collettori) che diedero ad Abarth la redditività necessaria per sperimentare nuovi modelli di autoveicoli e investire nel reparto corse. Tra le tappe più significative e note della storia Abarth ricordiamo la “750 GT” ricavata dalla Fiat 600 anche se, forse, il modello che più di altri è rimasto nella memoria collettiva è la “500 Abarth” con i carburatori Weber.

Fiat 500 AbarthFiat Abarth 750

Siamo a metà degli Anni 50 e alla guida della FIAT c’è Vittorio Valletta: la piccola vettura con il motore elaborato da Abarth stupisce tecnici e addetti ai lavori e costituisce una svolta nella storia della Casa di corso Marche grazie all’accordo economico tra i due marchi, un accordo per cui, per ogni record o vittoria ottenuto da una vettura Fiat Abarth, Fiat avrebbe corrisposto ad Abarth un premio in denaro in relazione all’importanza della manifestazione.

Lancia 037 stradaleAbarth fu ceduta alla FIAT nel 1971: con un palmares di oltre 7.300 vittorie conseguite dal 1949.

Per celebrare i 50 anni di storia sportiva del Gruppo Fiat, domenica 8 novembre 2015 si svolgerà all’Autodromo di Lombardore l’edizione 2015 di Abarth Day, organizzato da BSM Competizioni. A testimonianza di quanto la “Casa dello Scorpione” sia stata il vero fulcro delle attività e delle produzioni sportive di tutti i brand rappresentati dal Gruppo: Fiat a partire dalla 124 Abarth, Lancia a partire dalle SE 030 e Beta Montecarlo Turbo, Alfa Romeo a partire dalla 155 GTA ed Autobianchi con l’indimenticabile A112.

Fiat 124 Abarth

Si tratta di una manifestazione che coinvolge tutti i 5 brand del Gruppo FCA, in riferimento alla sua storia nel mondo delle corse automobilistiche. Saranno esposti oltre 100 modelli e versioni prodotte dal Gruppo FCA che hanno corso e vinto in tutto il mondo dal 1960 al 2010. E’ prevista la presenza di tecnici e meccanici che hanno lavorato in Abarth, Alfa Romeo Corse, Ntechnology oltre che dei piloti e dei preparatori ufficiali e privati che resero vincenti le vetture; grande spazio sarà riservato ai collezionisti che le hanno recuperate o conservate perché anche questa è cultura (anche se troppo spesso lo si dimentica…). Dalle 9.00 alle 18.00 di domenica, dunque, sarà  possibile per gli appassionati e gli sportivi ammirare un’esposizione unica nel suo genere per varietà e rarità dei modelli, oltre che vedere le vetture correre sulla pista dell’Autodromo, guidate dai piloti e dai collezionisti.

Troverete le immagini della giornata negli album

Fiat Abarth

Lancia Abarth

Abarth day

 

 

OkFoto.it

2 pensieri su “Abarth Day: le auto dello Scorpione sulla pista di Lombardore

  1. Bella manifestazione e bell’articolo, peccato solo che l’autore ha parlato di auto assenti come la 124 Abarth e si è completamente scordato delle Fiat X1/9 che oltre ad essere presenti in massa hanno dato grande spettacolo.

    1. Buonasera Samuel, grazie per la visita e per i complimenti. L’articolo è stato scritto prima dello svolgimento della manifestazione in base alle informazioni relative ai probabili partecipanti che abbiamo ricevuto dagli organizzatori. Durante la giornata dell’Abarth Day abbiamo invece avuto modo di ammirare e fotografare le tante X1/9 presenti, che potrà ammirare negli scatti pubblicati sulla nostra pagina Facebook. Cordiali saluti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.