Automotoretrò 2018, i motori si raccontano a Torino

classic-car-40

Si è da poco conclusa l’edizione di Milano AutoClassica, ospitata negli ampi spazi di Fiera Milano, ed ecco che la 36a edizione di Automotoretrò, l’importante rassegna dedicata al motorismo storico  delle 2 e delle 4 ruote, accende i motori: saranno infatti oltre mille i metri quadri dedicati interamente alle moto, mentre il mondo delle alte prestazioni sarà protagonista all’Oval con Automotoracing.

Ferrari F40 in esposizione a Automotoretrò

Nella sua recente visita a Milano AutoClassica, Beppe Gianoglio, a cui va il merito storico di organizzare l’evento di Torino, avrà certamente colto altri spunti per arricchire ulteriormente una manifestazione che, sempre di più negli anni, ha saputo diventare un punto di riferimento per i collezionisti e gli amanti del motorismo storico.

Un mito senza tempo, la 500 Abarth

Arrivano intanto le prime anticipazioni su Automotoretrò 2018, l’esposizione dedicata al motorismo storico, organizzata da Bea srl in collaborazione con GL events Italia-Lingotto Fiere, che si terrà a Torino dall’1 al 4 febbraio 2018, presso lo spazio espositivo del Lingotto in via Nizza 294.

La Citroen 2CV, divenuta leggenda per tutti coloro che negli anni Sessanta, fossero studenti, hippies o avventurosi viaggiatori, festeggerà i suoi primi 70 anni ad Automotoretrò 2018.

 Lo stand Maserati a AutomotoretròDisegnata nel 1948 da Flamino Bertoni, già autore della Traction Avant e di quell’opera d’arte (nel campo automobilistico) che fu la Citroen Ds, la Citroen 2 Cv sarà protagonista di una mostra che celebrerà l’icona di stile francese prodotta in moltissime versioni, che, con i suoi colori e il suo ondulare,  come recita uno slogan molto riuscito, “non è una vettura, ma un modo di vivere”.

Lancia, un marchio amato dagli appassionati di vetture d'epoca a AutomotoretròMancano due mesi all’inizio  di Automotoretrò 2018,  che durerà un giorno in più rispetto alla passata edizione: oltre 1000 metri quadri del Padiglione 2 saranno dedicati interamente alle moto, mentre il modellismo si sposterà nel Padiglione 3, insieme con il vasto settore ricambi, formando un’unica grande mostra-scambio.

Il meglio delle vetture che hanno fatto la storia del design automobilistico del secolo scorso si accompagnerà anche quest’anno ad Automotoracing, che esplora il mondo delle corse e delle alte prestazioni.

Automotoretrò 2018, vetture che hanno fatto la storia dell'autoPer chi ama l’azione, le piste esterne ospiteranno esibizioni di qualsiasi mezzo su ruote – dai kart alle auto da drifting -, mentre nel grande padiglione dell’Oval, dedicato al tuning e all’elaborazione, si darà libero sfogo a tutte le sfaccettature della passione per l’auto: dalle scuderie di rally alle personalizzazioni per incrementarne le prestazioni o per migliorarne estetica e funzionalità.

Rosy Magiulli a Automotoracing per provare le emozioni del driftingUn appuntamento da non perdere: i motori si raccontano a Automotoretrò 2018.

«Forti del successo degli ultimi anni, l’obiettivo per Automotoretrò 2018 – spiega Beppe Gianoglio, che da più di tre decadi organizza la rassegna torinese – è quello di raggiungere e superare quota 70.000 visitatori, proponendo un vero e proprio viaggio nel mondo dei motori, dando la possibilità agli appassionati  di trovare il ricambio mancante o il modellino che completa la collezione, ma anche di provare dal vivo lʼadrenalina delle gare in pista».

Milano AutoClassica: passione per l’automobile, senza tempo

vintage-car-5

Appuntamento con la settima edizione di Milano AutoClassica – Salone dell’Auto Classica e Sportiva, in programma a Fiera Milano (Rho) il 24, 25 e 26 novembre 2017.  Il grande Show dedicato al mondo dell’Automobile, punto di riferimento per il pubblico di appassionati sia di modelli storici che moderni.

Ferrari 512 M in mostra a Milano AutoClassica Storia, tradizione, cultura, sono tra gli elementi che spiegano il successo di Milano AutoClassica, confermato dal crescente interesse da parte del pubblico nei confronti delle vetture classiche. Un percorso espositivo teso a valorizzare la memoria storica dei più famosi marchi automobilistici presenti con l’heritage dei loro modelli più rappresentativi accanto ad alcune proposte attuali, riunendo in un unico contesto un grande numero di collezionisti e appassionati di motori. Una riuscita contaminazione tra passato e presente saldata dalla comune passione per la cultura dell’automobile (e delle due ruote), per il bello e, in alcuni casi, per l’esclusivo: in ogni caso, con particolari emozioni che riesce a suscitare.

Alfa Romeo, passione per le corse a Milano AutoClassicaMilano AutoClassica è anche un’ampia mostra mercato con molte interessanti occasioni per ogni visitatore, magari anche per chi si avvicina alle vetture classiche per la prima volta.

la Ferrari di Gilles Villeneuve a Milano AutoClassicaMolto significativa la presenza della Casa di Maranello in occasione del settantesimo anniversario della Casa. Ferrari è presente a Milano AutoClassica con il dipartimento Ferrari Classiche, il reparto della Casa del Cavallino Rampante appositamente istituito per offrire servizi di restauro e manutenzione, certificazione di autenticità e attestato per vetture di interesse storico ai possessori di Ferrari classiche. Ferrari Classiche ha portato a Milano AutoClassica una 250 GTO, forse la vettura storica più costosa al mondo (con una quotazione superiore ai 40 milioni di euro): costruita dal 1962, ne sono stati realizzati solamente 39 esemplari in due serie. Sotto il cofano, un motore V12 da 3 litri capace di erogare  300 CV. Un progetto al quale hanno lavorato nomi celebri dell’automobilismo italiano come Giotto Bizzarrini, Mauro Forghieri e Sergio Scaglietti. Vicino alla mitica 250 GTO altri due capolavori di Ferrari: la Dino 246 Tazmania del 1968, con i suoi 285 CV e 300 km/h di velocità massima e la 512M da 610 CV e 310 km/h.

Fortissima emozione per tutti gli appassionati nel poter ammirare la Ferrari F1 con il numero 27 di Gilles Villeneuve: impressionante poter constatare quanti sviluppi siano stati fatti sulle monoposto (anche e soprattutto per quanto riguarda i piloti).

Il numero 27 sulla Ferrari di Gilles Villeneuve a Milano AutoClassica

Bentley e McLaren sono presenti a Milano AutoClassica con importanti anteprime nazionali: Bentley Continental GT, la nuova coupé granturismo e McLaren 570 Spider, la nuova supercar scoperta della Casa di Woking. L’appuntamento è dunque con Milano AutoClassica: passione per l’automobile, senza tempo.

Abbiamo raccolto in un album le immagini più significative di Milano AutoClassica 2017.

Lo sguardo di una modella allo stand di Milano AutoClassica

Le vetture del Mauto presenti alla terza edizione di InterClassics Brussels

OkFoto_NNN_6151_1

Il Museo Nazionale dell’Automobile di Torino sarà presente da oggi a domenica 19 novembre 2017 a InterClassics Brussels con tre fantastiche vetture: la OM 469 N (1922), la Fiat 520 (1928) e  la Cisitalia 202 SMM Spider Nuvolari del (1947).

La Cisitalia spider Nuvolari dal Mauto a InterClassics BrusselsTema principale della edizione dell’importante appuntamento dedicato ai motori d’epoca sarà la presentazione ufficiale di Big Five, la rete costituita dai cinque più importanti musei europei dedicati all’automobile, per la prima volta riuniti per un evento di portata internazionale. Un progetto il cui scopo è la valorizzazione e comunicazione, a livello europeo, del patrimonio storico, la pianificazione di progetti condivisi e la collaborazione  per mostre ed eventi.

Oltre al MAUTO, fanno parte della rete il National Motor Museum (Beaulieu, UK), la Cité de l’Automobile/Schlumpf Collection (Mulhouse, Francia), Autoworld Museum (Brussels, Belgio) e il Louwman Museum (L’Aia, Olanda). Ciascuno esporrà – all’interno del padiglione “The Big Five”– tre capolavori della propria collezione: un’automobile significativa per il proprio Paese, una vettura simbolica per il Museo e, infine, una da competizione. Sarà un’occasione unica, per i visitatori di InterClassics Brussels provenienti da tutto il mondo, di vedere per la prima volta tutte insieme le vetture più rappresentative delle prestigiose collezioni europee.

Cisitalia 202 SMM a InterClassics Brussels«L’idea di unire le strategie dei grandi musei nazionali europei dell’automobile è nata a Torino, in un incontro che ho voluto con Evert Louwman, presidente dell’omonimo museo nazionale olandese e con Sebastien De Baere, direttore di Autoworld. In seguito si sono uniti la Citè de l’Automobile e il National Motor Museum ” ha dichiarato il Presidente del MAUTO Benedetto Camerana . I Big Five sono le più importanti collezioni museali al mondo, indipendenti dai brand e dalle politiche commerciali di marca. L’idea è di aggregare le nostre competenze per promuovere il valore dell’automobile come testimonianza culturale e storica, pianificare politiche comuni, mostre ed eventi. La partecipazione collettiva ad Interclassics Brussels è il primo passo di un percorso che stiamo iniziando a costruire. La strategia generale è la valorizzazione internazionale del Museo dell’Automobile».

il MAUTO, con la OM 469 N, presente a InterClassics Brussels«Per aumentare la visibilità del MAUTO a livello internazionale – continua il Direttore Rodolfo Gaffino Rossi – è importante allearsi con altre realtà, al fine di creare interscambio di opere e arrivare all’obiettivo di progettare mostre e attività unendo le risorse culturali e finanziarie».

La OM 469 N dal Museo dell'auto di Torino a BruxellesUn passo per un ulteriore sviluppo del Museo dell’Automobile di Torino che, a inizio 2018, vedrà Rodolfo Gaffino Rossi lasciare la direzione del Mauto, dopo 18 anni spesi per portare il Museo di Torino nelle prime posizioni nella classifica mondiale: con un pubblico eterogeneo e internazionale, con un numero di visitatori che, nel 2017, supererà le 200.000 unità (e composto, per il 70% da stranieri), con quasi 1,3 milioni di ingressi dalla riapertura del Mauto avvenuta nel 2011.

Eicma 2017, per chi ha la moto dentro

eicma-191

“Per chi ha la moto dentro” dal 9 al 12 novembre 2017 a Milano c’è EICMA 2017, il Salone internazionale del motociclo, preceduto da due giornate (il 7 e 8 novembre) dedicate ai media e agli operatori.

Eicma 2017, continua l'interesse per le moto classiche

Manca una settimana all’apertura dell’importante manifestazione che si tiene a Rho fiera e molte sono le anticipazioni sulle novità che saranno presentate dalle Case motociclistiche.

Ducati presenta a Eicma 2017 la 821 per celebrare i 25 anni del Monster, con un ritorno alle origini: la linea è più essenziale con qualche citazione come il gancio che blocca il serbatoio nella parte anteriore. Tra le novità si segnalano il faro anteriore con tecnologia a led, il cruscotto TFT a colori, aggiornato dal punto di vista delle informazioni. Potenza di 107 cv a 9250 giri, e 86 Nm (8,8 Kgm) a 7.750 giri sono i numeri del “nuovo” motore Testastretta 821 che si arricchisce della possibilità di montare il Ducati Quick Shift (up/down), che affianca un pacchetto tecnologico composto da ABS Bosch (abbinato a un impianto frenante Brembo con pinze radiali monoblocco), Traction Control, e Power mode che cambia il carattere della moto dal punto di vista dell’erogazione e della risposta alle aperture del gas. Forcella rovesciata con steli di 43 mm di diametro e monoammortizzatore regolabile chiudono il quadro ciclistico. Ad affiancare il classico rosso Ducati torna il giallo, che per anni ha caratterizzato il Ducati Monster. Disponibile a dicembre 2017 nei concessionari Ducati a prezzi di poco superiori a 11.000 euro.

Ducati presenta la 821 Monster a Eicma 2017

Tra le novità Eicma 2017 di Honda ci sarà il nuovo concept Neo Sports Café. È una moto dalle linee classiche, come dimostra il serbatoio battuto a mano, ma con moderna tecnologia: faro tondo con striscia a led e strumentazione simile a uno smartphone. In attesa di conoscere informazioni e dati tecnici ufficiali, si parla di un motore 4 cilindri da 998 cc raffreddato a liquido, telaio monotrave in alluminio che sfrutta il motore come elemento portante. Le sospensioni sono: davanti una forcella a steli rovesciati e dietro un monoammortizzatore infulcrato a un monobraccio, entrambi regolabili. L’impianto frenante utilizza due pinze freno anteriori radiali monoblocco.

Honda presente a Eicma 2017

Kawasaki insegue il filone vintage e presenta a Eicma 2017 la Z900 RS. Una moto che richiama il passato pur essendo realizzata su una base meccanica sportiva: motore e telaio sono identici alla Z900 (telaio a traliccio in acciaio, motore a 4 cilindri raffreddato a liquido da 111 cv ed erogazione più corposa ai medi regimi) con estetica ed ergonomia classici. Come le alette sui cilindri, che riprendono quelle della Kawasaki Z1 900 Super Four del 1972, e il manubrio più largo dell’originale e cromato. Dal punto di vista tecnologico, sulla Z900 RS debuttano il controllo di trazione a due livelli, assente sulla Z900 standard, e le pinze freno anteriori radiali. La RS pesa 215 kg in ordine di marcia, soltanto 5 in più della naked.

Novità Kawasaki a Eicma 2017

Prima tra le aziende giapponesi a credere nelle supersportive di cilindrata ridotta, Kawasaki porta a EICMA 2017 la terza generazione della sua piccola Ninja. Equipaggiata con un motore bicilindrico da 399 cc e 45 cv, la nuova Ninja 400 evolve il concetto delle precedenti versioni portando in dote prestazioni maggiori ma anche più compattezza e un peso contenuto. Più leggera di 8 kg rispetto alla Ninja 300, adotta un telaio in acciaio e sospensioni tradizionali (quella posteriore con leveraggio progressivo Uni-Track). L’impianto frenante a due dischi sfrutta un disco anteriore da 300 mm frenato da una pinza assiale e un posteriore da 220 mm, entrambi gestiti da un ABS di ultima generazione. 168 kg con il pieno di benzina e una sella a soli 785 mm da terra chiudono il quadro di una sportiva pronta a dare battaglia nel prossimo Campionato mondiale Supersport 300.

Yamaha ha scelto EICMA 2017 per lanciare il primo componente di una nuova famiglia di veicoli. Dopo aver proposto lo scooter tre ruote Tricity, ora sposta la stessa tecnologia denominata LMW (Leaning Multi Wheeler) su una moto con motore tre cilindri in linea da 900 cc dotato di tre mappature e controllo di trazione regolabile. Crescono le prestazioni e cresce, secondo Yamaha, anche il divertimento. La Niken, questo il nome, è annunciata come concept bike, ma è pensabile che sia ormai nella fase finale dello sviluppo e pronta per entrare in produzione. Il principio del basculamento delle due ruote anteriori è lo stesso utilizzato per il Tricity, con un doppio stelo forcella per lato, uno con funzione ammortizzante, l’altro con funzione di guida. Le due ruote anteriori sono da 15 pollici, e le pieghe si preannunciano da vera sportiva.

La Yamaha di Valentino Rossi a Eicma

Dal suo ritorno sul mercato, circa due anni fa, Bultaco Motors ha avuto come obiettivo quello di progettare e proporre prodotti innovativi tenendo sempre presenti i propri principi fondatori, ossia passione e divertimento. A Eicma 2017 porta la novità Bultaco Albero, con 
una piattaforma tecnica che ricalca quella della “moto-bike” Brinco, ma con un’immagine e soluzioni tecniche in linea con l’ambiente urbano. Il risultato è un prodotto dal design che richiama lo stile café racer. Un nuovo concetto di mobilità urbana, con la manovrabilità e la leggerezza di una bici (pesa 42 chili), la robustezza e la sicurezza di una moto, zero emissioni e prestazioni di rilievo (una coppia massima di 60 Nm e una velocità massima di 45 km/h) di propulsione elettrica.
 L’impianto frenante, idraulico, è equipaggiato con due dischi abbinati a pinze, a 4 pistoncini l’anteriore e a 2 il posteriore. La batteria agli ioni di litio si ricarica al 95% in 3 ore e l’aiuto della propulsione elettrica può essere regolato su tre mappature: Sport, Tour e Eco.

BMW 1200 Rt a Eicma 2017

Appuntamento, dunque, a Eicma 2017 : dal 9 al 12 novembre 2017.

Per chi si è perso le edizioni precedenti, ecco le immagini di

Eicma girls

Hostess Eicma

Eicma 2016

Eicma 2015

realizzate da OkFoto.it

Le fotografie della edizione 2017 saranno disponibili nell’album disponibile qui.

Le hostess di Eicma: uno spettacolo nello spettacolo

I° raduno Lancia storiche: tornano le auto sul Circuito di Ospedaletti

okfoto-204

Raduno Lancia a Ospedaletti In una di quelle splendide giornate in cui l’estate a Ospedaletti sembra possa durare tutto l’anno, ha preso il via il I° Raduno Lancia storiche che, nel fine settimana del 7 e 8 ottobre, ha visto le vetture del glorioso marchio correre su una parte del Circuito di Ospedaletti (lo stesso dove la Lancia eseguì parte dei collaudi della D50) e ripercorrere parte delle strade delle colline alle spalle di Sanremo, che più volte sono state luogo di gara del Rally di Sanremo.

Lancia Fulvia coupè 1.6 sul Circuito di Ospedaletti

Gli organizzatori (il Sanremo Rally Team e il Comitato Circuito di Ospedaletti) del I° Raduno Lancia storiche Città di Ospedaletti, oltre a dare modo ai tanti appassionati delle vetture Lancia di ammirare alcune vetture che hanno segnato la storia della Casa di via San Paolo a Torino, hanno avuto il merito di mettere in calendario un evento degno del 70° compleanno del Circuito di Ospedaletti.

Era il 1947 quando si disputò la seconda edizione del Gran premio di San Remo e si optò per la creazione di un circuito stradale che vide nella sua morfologia le condizioni ideali per correre. Ospedaletti infatti disponeva di un lungo rettilineo i cui due estremi erano raccordati da una circonvallazione collinare; inoltre, la viabilità ordinaria era assicurata da una strada parallela alla via Aurelia sul lungomare, la via XX Settembre.

Amilcare Ballestrieri al I° Raduno Lancia di Ospedaletti

Dall’anno successivo il Circuito di Ospedaletti entrò a far parte del circuito internazionale dei Gran premi. L’avventura della Formula 1 vide i più grandi nomi dell’epoca, da Nuvolari a Fangio, Ascari, Villoresi ecc. e si concluse nel 1951 a causa dei problemi di sicurezza sollevati dal grave incidente del pilota belga  Johnny Claes (in cui morì uno spettatore e tre furono gravemente feriti) e per la potenza dei nuovi motori troppo elevata per essere scaricata sullle strade del tracciato cittadino di Ospedaletti. Il Circuito di Ospedaletti continuò a ospitare le gare di motociclismo sino al 1972; l’anno successivo, per problemi di sicurezza sottolineati dalla tragedia sulla pista di Monza, con il gravissimo incidente che vide coinvolti otto piloti e causò la morte di Renzo Pasolini e Jarno Saarinen, si bloccò definitivamente l’organizzazione del Gran Premio di Ospedaletti

Lancia Beta Montecarlo al Raduno Lancia di Ospedaletti

Grazie alla passione e alla capacità dei componenti il Comitato del Circuito di Ospedaletti, dal 2008 si svolge, con cadenza biennale, la Rievocazione storica del Gran premio motociclistico, con la presenza di centinaia di moto d’epoca e di piloti con molti campionati vinti durante la loro carriera.

L’augurio, dopo il successo del I° Raduno Lancia a Ospedaletti, è che,negli anni dispari, lo storico Circuito possa ospitare la rievocazionbe dedicata alle automobili d’epoca.

Lancia Fulvia berlina sul Circuito di Ospedaletti

La passione e la volontà degli sportivi, come i fatti hanno dimostrato, non mancano: serve che i Comuni (Ospedaletti, Sanremo, ecc. ) e le varie Amministrazioni del territorio sappiano fare squadra per creare un evento che sarebbe destinato a un grande successo di pubblico, con evidenti ritorni per il turismo.

Puoi vedere le immagini realizzate da OkFoto.it  nell’album dedicato alla manifestazione.

Le giovanissime Miss del Raduno Lancia a Ospedaletti

Vespa, la più bella sei tu. Concorso di eleganza nella corte del castello di Racconigi

Vespa-104

Vespa, un successo nato oltre 70 anni faCi sono cose che, più passa il tempo, più entrano nella nostra vita: come ad esempio la Ferrari, la Cinquecento, la Vespa. E ogni volta che si presenta l’occasione di assistere a un raduno, ecco che tornano alla mente aneddoti, episodi, citazioni che- tutti insieme- contribuiscono ad arricchirne la storia e la leggenda. Proprio come è accaduto in occasione della edizione 2017 di “Vespa, la più bella sei tu “, ospitata nella splendida cornice del castello di Racconigi.

Raduno Vespa al Castello di RacconigiSi tratta di un concorso di eleganza in cui sono valutati, oltre che il grado di conservazione del veicolo, anche aspetti come lo stile e l’eleganza del conduttore della Vespa (e dell’eventuale compagna/o di viaggio).

La nota di presentazione del concorso specifica: “La sfida sarà  incentrata sia sulla perfezione e eleganza del modello Vespa (o del parente a tre e quattro ruote) sia sullo stile del proprietario che l’accompagna. La Giuria (composta da tecnici, designer, giornalisti e personaggi del mondo dello spettacolo) assegnerà punteggi per ogni aspetto della scheda del veicolo partecipante valutando:
– l’eleganza e la raffinatezza generale del disegno

– l’armonia degli schemi dei colori

– l’eleganza delle tappezzerie e delle finiture e la correttezza degli equipaggiamenti accessori

– la funzionalità meccanica

– il rigore del veicolo, la rarità, l’efficienza tecnica.

Ma avrà ancora maggiore peso valutativo lo stile del proprietario che dovrà essere in linea con il periodo di costruzione del veicolo e con il suo stile.

Leggermente diverso l’approccio valutativo per la categoria Vespa Fantasy che raccoglierà tutte quelle Vespa meno rigorose ma figlie dell’estro del vespista.

Il tema scelto per l’edizione 2017 del concorso è il viaggio.

concorso di eleganza e Vespa

Le categorie di partecipazione sono cinque:

Vespa Vintage. Tutte le Vespa prodotte dal 1946 al 1959
Vespa Classic. Tutte le Vespa prototte dal 1960 al 1977
Vespa & Sport. Tutte le Vespa “sportive” dal 1946 al sino al PX T5
Vespa Fantasy. Multicolor, Mods, super personalizzate senza limite di anno di costruzione .

Oltre due ruote. Sidecar Vespa sino al 1977, Ape, Vespa 400”.

E’ stata un’occasione per ammirare modelli rari e ben conservati, ma –proprio per l’impostazione del concorso- per rivivere alcuni momenti di eleganza e storia del costume.

Vespa d'epoca e moda vintage

Perché Vespa  coinvolge la storia del costume. Negli anni della “Dolce Vita”, ad esempio, Vespa diventò sinonimo di scooter, i reportage dei corrispondenti stranieri descrivevano l’Italia come “il Paese delle Vespa” e il ruolo giocato da Vespa nel costume è documentato dalla presenza del veicolo in centinaia di film.
Audrey Hepburn e Gregory Peck in “Vacanze Romane” (1953) furono i primi di una lunga serie di attrici e attori internazionali che, nel corso degli anni, sono stati “ripresi” sullo scooter più famoso del mondo.

La moda vintage al raduno Vespa al castello di Racconigi

D’altra parte per raccontare la Vespa si possono scegliere varie strade: elencare le tante cose che ne hanno segnato (e ne segneranno) la storia o ripensare, ad esempio, a uno slogan pubblicitario di fine Anni Sessanta, rimasto tra i più famosi. Semplicemente ci diceva che “Chi “VESPA” mangia le mele (chi non “VESPA” no)”: uno slogan che conserva  tuttora la sua validità.

Vespa con sidecar nel cortile del castello di Racconigi

La Vespa nasce della determinazione di Enrico Piaggio a creare un prodotto a basso costo e di largo consumo. All’approssimarsi della fine della Seconda guerra mondiale, Enrico studia ogni soluzione per rimettere in moto la produzione nei suoi stabilimenti. A cominciare da quello di Biella, dove venne realizzato un “motorscooter” sul modello delle piccole motociclette per paracadutisti. Il prototipo, siglato MP5, venne battezzato “Paperino” per la sua strana forma: ma non piacque ad Enrico, che incaricò Corradino D’Ascanio di rivedere il progetto.
Il progettista aeronautico non amava però la motocicletta. Secondo lui era scomoda, ingombrante, con gomme troppo difficili da cambiare in caso di foratura; oltretutto, per via della catena di trasmissione, sporcava. L’ingegnere trovò tuttavia tutte le soluzioni del caso attingendo proprio alla sua esperienza aeronautica. Per eliminare la catena immaginò un mezzo con scocca portante, a presa diretta; per rendere la guida più agevole pensò di posizionare il cambio sul manubrio; per facilitare la sostituzione delle ruote escogitò non una forcella ma un braccio di supporto simile appunto ai carrelli degli aerei. E infine ideò una carrozzeria capace di proteggere il guidatore, di impedirgli di sporcarsi o scomporsi nell’abbigliamento: decenni prima della diffusione degli studi ergonomici, la posizione di guida di Vespa era pensata per stare comodamente e sicuramente seduti, anziché pericolosamente in bilico su una motocicletta a ruote alte.

Una Vespa del 1948 per il concorso di eleganza "La più bella sei tu"
Dal nuovo progetto di D’Ascanio nacque un mezzo assolutamente originale e rivoluzionario rispetto a tutti gli altri esempi di locomozione motorizzata a due ruote. Con l’aiuto di Mario D’Este, suo disegnatore di fiducia, a Corradino D’Ascanio bastarono pochi giorni per mettere a punto la sua idea e preparare il primo progetto della Vespa, prodotto a Pontedera nell’aprile del 1946. Il nome del veicolo fu coniato dallo stesso Enrico Piaggio che davanti al prototipo MP6, dalla parte centrale molto ampia per accogliere il guidatore e dalla “vita” stretta, esclamò: “Sembra una vespa!”.

E Vespa fu.

Il 23 aprile 1946 la Piaggio & C. S.p.A. deposita – presso l’Ufficio centrale dei brevetti per invenzioni, modelli e marche del Ministero dell’Industria e del commercio di Firenze – il brevetto per “motocicletta a complesso razionale di organi ed elementi con telaio combinato con parafanghi e cofano ricoprenti tutta la parte meccanica”.
Enrico Piaggio non esita a dare il via alla produzione in serie di duemila esemplari della prima Vespa 98 cc. Gli Italiani avrebbero visto per la prima volta la Vespa, toccandola con mano, alla Fiera di Milano dello stesso anno.

La Vespa 98 cc fu posta in vendita in due versioni e con due prezzi: 55.000 lire il tipo “normale” e 61.000 lire il tipo “lusso” con alcuni optional quali il contachilometri, la stampella laterale e i raffinati pneumatici con fianco bianco. Addetti ai lavori ed esperti del mercato si divisero: da una parte chi coglieva nella Vespa la realizzazione di un’idea geniale, dall’altra gli scettici di rito.

viaggio di nozze in Vespa a Racconigi

Guarda la galleria delle immagini realizzate a Racconigi da OkFoto.it : se ti ritrovi, non dimenticare di taggarti …

Vespa & sport

Torino-Zuffenhausen, Ugo Nespolo per Porsche Moncenisio

Torino-Zuffenhausen di Ugo Nespolo su Porsche Moncenisio Tra le auto esposte al Salone dell’auto di Torino è stata molto forte la curiosità dei visitatori per la Porsche Moncenisio dello StudioTorino sulla quale Ugo Nespolo ha eseguito un lavoro di “car art”, per celebrare i 70 anni del legame che c’è tra la Porsche (che ha sede a Zuffenhausen, distretto di Stoccarda) e Torino.

Car art, Ugo Nespolo e la Porsche Moncenisio

Nespolo ha sviluppato la sua opera principalmente nella parte inferiore della carrozzeria: con i sei colori delle bandiere nazionali disposti in modo non ordinato che fanno immaginare l’assenza di confini. I simboli di Torino e di Stoccarda impersonano i cittadini e chi ha lavorato per queste automobili. A conclusione del Salone dell’automobile di Torino, la Porsche Moncenisio percorrerà ancora una volta i 626 Km per raggiungere Zuffenhausen, con gli pneumatici d’autore Pirelli P Zero Color Edition interpretati dal Maestro.

La Car Art di Ugo Nespolo vuole celebrare il periodo, gli uomini e le due città la cui industria principale è collegata all’automobile.
La Moncenisio di Nespolo è un omaggio a “33 Automobili speciali e rare” tutte disegnate e costruite nell’area torinese in questi 70 anni. Sette storie diverse e non collegate, la prima delle quali è iniziata il 2 febbraio 1947 con un contratto di progettazione fra la Cisitalia di Piero Dusio e lo Studio Porsche. La storia ha inizio con il viaggio a Torino di Ferry Porsche con il suo direttore tecnico Karl Rabe, per visionare la costruzione della monoposto Cisitalia Tipo 360.

Alfredo Stola e la Porsche Moncenisio

In ordine temporale Piero Dusio, Rudolf Hruska, Carlo Abarth, Franco Scaglione, Nuccio Bertone, Marcello Gandini, Giorgetto Giugiaro, Luciano D’Ambrosio, Roberto e Alfredo Stola, Aldo Brovarone e Daniele Gaglione sono fra gli uomini che hanno avuto una importante relazione con la Porsche e/o con le fabbriche/carrozzerie torinesi realizzatrici di queste “Automobili Speciali”.

Abarth nel 1959 sviluppò per Porsche un’auto da corsa derivata dalla tipo 356 B stilizzata da Franco Scaglione. La Porsche 356 GTL Abarth fu costruita in 20 esemplari che corsero nelle più importanti competizioni nel mondo con piloti del livello di Stirling Moss e Graham Hill.

33 automobili speciali e rare

Bertone presentò al Salone di Ginevra del 1966, Roadster: un prototipo realizzato sulla base della 911 che costituì il primo lavoro di design di Marcello Gandini per la carrozzeria torinese.

Italdesign di Giorgetto Giugiaro presentava, nel 1970 al Salone di Torino, Tapiro, una dream car derivata dalla Porsche 914/6.

Bertone, ancora una volta al Salone di Ginevra, nel 1994 svelava al pubblico Karisma, un prototipo sul telaio della Porsche 911: berlinetta a motore posteriore con due porte ad ala di gabbiano; disegnata da Luciano D’Ambrosio il cui obiettivo principale era un’abitabilità ampia e confortevole per tutti i passeggeri.

Stola, nel 2002 alla Triennale di Milano, debuttava con la S82 e, al Salone di Ginevra del 2003, presentava la Stola GTS. Entrambi i prototipi erano derivati dalla Boxster tipo 986. La passione per il marchio tedesco nasce tra il 1999 e il 2000, dopo aver lavorato per Porsche Design a Zell am See, sotto la direzione personale di Ferdinand Alexander Porsche in occasione della realizzazione di uno dei modelli di ricerca di stile della Cayenne.

StudioTorino nel 2005 e nel 2006 presenta i prototipi RK Spyder e RK Coupè disegnati da Aldo Brovarone e realizzati, ancora su base Boxster, in collaborazione con Ruf Automobile, che aveva portato la potenza del motore Porsche 997 a 440 cv.

l'opera di Ugo Nespolo al Salone dell'auto di Torino

Alfredo Stola e Maria Paola Stola Ariusso nel 2014 portarono la Moncenisio nel cuore del Centro di Sviluppo Porsche a Weissach, illustrando ai tecnici della progettazione Porsche e ai designer del Centro stile l’ultima fuoriserie disegnata da Daniele Gaglione e derivata dalla tipo 981.

Una ricca pagina della storia dell’automobile raccontata dall’opera di Ugo Nespolo.

parco valentino salone dell'autoGuarda le altre immagini del Salone dell’auto di Torino e del Gran premio Parco Valentino

Automobili di ieri, oggi e domani alla Palazzina di caccia di Stupinigi

salone-auto-14

Ferrari 488 spider edizione speciale Si chiama Parco Valentino Salone dell’auto e Gran Premio. Se aggiungi allo scenario degli stand espositivi ospitati lungo i viali del Parco del Valentino, tra il Po e il Castello del Valentino, gli spazi della Palazzina di caccia di Stupinigi, il gioiello architettonico di Filippo Juvarra con i suoi meravigliosi giardini; se davanti alla Palazzina sostano centinaia di automobili, alcune con quasi cento anni alle spalle, altre pronte a scrivere nuove pagine di storia dell’automobile, in ogni caso tutte vetture che sono oggetto di desiderio di appassionati e collezionisti e che hanno dato luogo al Gran Premio Parco Valentino, riuscirai a capire meglio cos’è nella realtà il Salone dell’auto di Torino. Un evento che non si può descrivere con i soliti parametri di giudizio, perché il Salone di Torino mette insieme la rassegna del prodotto “automobile” (ma quest’anno in esposizione c’erano anche alcune moto …) con una ricca kermesse: incontri, dibattiti, concorso di eleganza per vetture d’epoca, raduni, ecc. Cinque giornate piene di avvenimenti, all’aperto, tutte con ingresso gratuito, con orari espositivi dalle 10 a mezzanotte. Secondo le prime rilevazioni degli organizzatori, i visitatori sono stati 700.000: numeri sempre difficili da definire, ma certamente una gran folla ha invaso i viali del Parco del Valentino dove erano collocati gli stand degli espositori, e –come  accaduto anche nelle precedenti edizioni-  ha assistito alla sfilata delle vetture del Gran Premio Parco Valentino che, sabato pomeriggio, hanno attraversato Torino, da piazza Vittorio alla Palazzina di Stupinigi.

Ferrari 250 Gte alla Palazzina di caccia di Stupinigi

Il Salone è stata l’occasione per ammirare le vetture di oltre 50 brand, alcune  in anteprima nazionale con protagonisti tutti i segmenti; non mancavano importanti vetture sportive (dalla Alpine A110 alla Lamborghini Huracan Performante, dalla McLaren 720S alla Pagani Huayra Roadster).

BMW al Gran Premio Parco Valentino

Come ogni anno, il Salone dell’auto ha dedicato spazi importanti al car design: con la Fiat 124 Mole Costruzione Artigianale, la FV Frangivento Charlotte Gold, la GFG Style Techrules Ren, la Italdesign PopUp, la Fittipaldi EF7 di Pininfarina, la Touring Superleggera Artega Scalo Superelletra con i suoi oltre 1.000 cavalli, la Trilix Tamo Racem.

GFG style al Salone dell'auto di Torino

La 3a edizione del Salone torinese si è caratterizzato con un “fuori salone” particolarmente ricco e interessante; in particolare, il Castello del Valentino è stato teatro di importanti celebrazioni: i 70 anni della Ferrari, il raduno Cars & Coffee, i 90 anni della Volvo, i 70 anni della Polizia Stradale e il Concorso di eleganza per auto d’epoca, l’esposizione delle auto di Car & Vintage. A queste si aggiungono il raduno delle Citroen 2 CV, l’esposizione di vetture made in USA, ecc.

Un successo di pubblico che porta dritto alla quarta edizione: in calendario dal 6  al 10 giugno 2018.

Concorso di eleganza alla Palazzina di caccia di Stupinigi

Mille Miglia 2017, dal 1927 la corsa più bella del mondo

mille-miglia-183

giuliano Canè sulla OM Superba del 1927 sulle strade della Mille Miglia Passano gli anni e la Mille Miglia rappresenta sempre di più quello che Enzo Ferrari definì “un museo viaggiante unico al mondo”. Partiti ieri da Brescia (la data, come da tradizione, anticipa di una settimana il Gran Premio di Monaco di Formula 1), i 440 equipaggi partecipanti alla edizione 2017 (selezionati su oltre 700 domande di partecipazione) rientreranno nella città lombarda domenica 21 maggio, dopo avere fatto tappa a Padova, Roma e Siena con un percorso di circa 1.700 chilometri.

Vesco-Guerini su Alfa Romeo 1750 Gran sport alla Mille Miglia 2017

Alla corsa prendono parte concorrenti in rappresentanza di 36 nazioni, di 5 continenti, che attraversano oltre 200 Comuni italiani (oltre alla repubblica di San Marino) e sette Regioni: con vetture d’epoca di straordinario valore storico, tecnico e sportivo appartenenti a 82 differenti Case costruttrici e costruite prima del 1957 (anno in cui si disputò l’ultima edizione della Mille Miglia di velocità).

P5182131Dopo la sospensione dello svolgimento della corsa in seguito al grave incidente presso Guidizzolo, in provincia di Mantova (causato dallo scoppio di uno pneumatico, che costò la vita al pilota spagnolo Alfonso de Portago, al suo navigatore, l’americano Edmund Gurner Nelson, e a nove spettatori) oggi nella rievocazione i concorrenti devono rispettare la regolarità e i tempi per le varie prove cronometrate (sono 112, a cui si aggiungono 18 rilevamenti dei tempi in 7 prove a media imposta). La classifica finale, con l’applicazione dei coefficienti che prendono in considerazioni le differenti caratteristiche delle vetture, è quindi stilata dopo 130 rilevamenti cronometrici.

Bentley in azione sulle strade della Mille Miglia 2017

Il pubblico lungo il percorso della Mille Miglia ha modo di ammirare automobili d’epoca particolarmente prestigiose, alcune appartenenti ai Musei di importanti Case automobilistiche (Mercedes-Benz, Alfa Romeo, Bmw, Porsche), altre a privati e collezionisti: vetture che hanno scritto importanti pagine dell’automobilismo sportivo internazionale. Tra queste, alcune hanno disputato almeno una edizione della Mille Miglia di velocità tra il 1927 e il 1957.

Cisitalia 202 S MM spider Nuvolari alla 1000 Miglia

L’edizione 2017 vede la partecipazione di 46 vetture Alfa Romeo, 36 Fiat, 35 Lancia, 35 Mercedes-Benz, 23 Bugatti, 21 Jaguar, 21 Porsche. Vetture storiche in perfetto ordine, funzionanti e in grado di gareggiare a pieno regime lungo le strade della Mille Miglia.

Fiat 110 sport a piazzale Arnaldo a Brescia per la 1000 Miglia

La prima Mille Miglia fu disputata 90 anni fa: il 26 marzo 1927. A trionfare furono Nando Minoja e Giuseppe Morandi, piloti della OM 665 Superba (Officine Meccaniche di Brescia), che percorsero le Mille Miglia in 21 ore! Su strade per lo più sterrate, con l’eccezione delle lastricature in pietra delle principali città attraversate, in assenza di mezzi di comunicazione e di una assistenza tecnica che potesse definirsi tale.

Mercedes-Benz 300 SL "ali di gabbiano" alla Mille Miglia

Dopo quell’impresa, il Corriere della Sera scrisse: “Poco più di venti ore, nemmeno un giorno e una notte per compiere quasi 1.700 km: una media che supera i 77 km orari. L’automobile è passata per le strade di mezza Italia come un dominatore di tempo e spazio. Il successo del mezzo meccanico appare dunque grandioso”.

Jaguar XK presente alla 1000 Miglia edizione 2017

Guarda le immagini delle vetture partecipanti nell’album realizzato da OkFoto.it

Toto Wolff prende parte alla Mille Miglia 2017 su Mercedes-Benz

Transappenninica, un viaggio tra storia e sapori del Piemonte

transappenninica-287

Transappenninica: tutti in pista sul tetto dell'ex stabilimento Fiat del Lingotto Nella settimana che precede la 1000 Miglia e a meno di un mese dal Salone dell’automobile, Torino e le strade di Langa e Monferrato hanno ospitato la 31ma edizione della Transappenninica, un raduno di auto d’epoca organizzato dal CRAME (Club Romagnolo Auto e Moto d’Epoca). Un viaggio di circa 500 miglia lungo le più belle strade del Piemonte, con partenza e arrivo in quella che fu la capitale italiana dell’automobile.

Auto Union alla Transappenninica 2017

Partiti l’8 maggio, gli equipaggi (molti gli stranieri presenti) hanno viaggiato lungo i fantastici paesaggi delle Langhe e del Monferrato, toccando le principali località famose in tutto il mondo per la cucina e per i vini, per concludere venerdì la loro avventura con una visita al Museo dell’automobile e alcuni giri sulla pista dell’ex stabilimento Fiat del Lingotto.

Un raduno di preziosi e rari modelli di automobile in una città, Torino, e una regione, il Piemonte, con un’invidiabile offerta turistica che troppo spesso, però, resta nel libro delle buone intenzioni.

le vetture d'epoca di Transappenninica sulla pista di collaudo del Lingotto

Non possiamo sapere con certezza se gli organizzatori della Transappenninica 2017 avessero scelto un basso profilo per la loro iniziativa. Certo è che –sapendo quanto siano numerosi gli appassionati di auto d’epoca a Torino- faceva un certo effetto vedere l’assoluta mancanza di pubblico all’arrivo delle vetture sulla pista del Lingotto: unico spettatore un fotografo, di origini francesi, presente sulla pista del Lingotto per realizzare un servizio fotografico, attratto dalla bellezza dell’ex stabilimento che costituisce uno dei più importanti esempi di architettura industriale.

BMW presente alla Transappenninica 2017

L’assenza di pubblico non ha però minimamente turbato gli equipaggi che, percorsa con curiosità e attenzione la rampa elicoidale che porta a quella che fu la pista di collaudo delle automobili Fiat, con le pesanti vetture dell’epoca, senza servosterzo e di notevole lunghezza e peso, si sono divertiti nel girare sulla pista loro riservata, affrontando senza esitazione alcuna la curva sopraelevata nel punto di maggiore pendenza.

Gli equipaggi della Transappenninica arrivano sulla pista del Lingotto

C’è da sperare che gli organizzatori (e soprattutto i partecipanti alla Transappenninica) abbiano apprezzato i fantastici luoghi attraversati (con le bellezze artistiche e architettoniche dei castelli di Venaria, Rivoli, Stupinigi, Racconigi, con i paesaggi delle colline del Piemonte) gustando i vini e le prelibatezze culinarie di Langhe e Monferrato. Un apprezzamento che ci auguriamo possa rendere possibile una nuova edizione della Transappenninica in Piemonte,  con una doverosa maggiore copertura mediatica da parte dei quotidiani torinesi e del TGR che hanno ignorato l’evento appena concluso.

Guarda la galleria delle immagini realizzate da OkFoto.it

Transappenninica: non poteva mancare una gloriosa Lancia

Touring Superleggera, Up Design e IED: preview per il Salone dell’auto di Torino

car-design-152

 

Gumpert Tornante by Touring Superleggera Un’anteprima del Salone dell’automobile di Torino è da oggi visibile negli spazi dell’aeroporto Sandro Pertini di Torino.

Gumpert Tornante di Touring Superleggera, Mole Costruzione artigianale di Up Design e Syrma di IED Torino sono i prototipi del car design esposti come anteprima dell’ampia galleria di prototipi e modelli unici che saranno visibili dal 7 all’11 giugno 2017 al Parco Valentino.

Nella presentazione di Louis de Fabribeckers, head of design della Touring Superleggera,  c’è tutto l’orgoglio di appartenenza a una Carrozzeria che ha 90 anni di storia alle spalle: le prime fuoriserie carrozzate Touring, un’Alfa Romeo e un’Isotta Fraschini, furono infatti realizzate nel 1928.

Il frontale della Gumpert Tornante by Touring
Touring è sempre stato sinonimo di eleganza, qualità e innovazione tecnica: il brevetto di costruzione Superleggera, che vede pannelli d’alluminio battuti a mano applicati a una struttura rigida e leggera in sottili tubi d’acciaio, è del 1936. Proprio il brevetto Superleggera ha permesso a Touring di realizzare sia pezzi unici sia modelli prodotti in piccola serie sia, anche, vetture prodotte in numeri più importanti: come l’Alfa Romeo 1900 Sprint, la Lancia Flaminia Coupé, l’Aston Martin DB5, le Lamborghini 350 e 400 GT, le Maserati 3500 e 5000 GT.
Un percorso, quello della Touring, che ha consentito all’atélier milanese di rivestire anche alcune delle più importanti Ferrari di serie della prima ora, come le 166 e 212 in versione Coupé, Spider e Barchetta (spider corsa 2 posti). Un’altra coupé biposto carrozzata Touring, la BMW 328, vincitrice della Mille Miglia del 1940, è stata la prima BMW a passare alla storia tra le 25 auto più importanti di sempre.
Ancora oggi la Carrozzeria Touring Superleggera propone ai suoi clienti quegli stessi valori e quello stesso sapere, rivisitati attraverso l’acquisizione delle più moderne esperienze e tecnologie; come ha detto Louis de Fabribeckers, diventa così possibile vendere al cliente “un viaggio che permette al cliente di vedere la costruzione della propria vettura”.

Tornante by Touring (back side)

La vettura esposta, la Gumpert Tornante by Touring, è un prototipo realizzato nel 2011 per la casa tedesca, nota per il rigore e l’assenza di compromessi quanto a efficienza, qualità della meccanica e soluzioni ingegneristiche, che ha affidato a Touring Superleggera il disegno del suo modello attratto dall’eleganza innata, un gene che si esprimeva anche nelle auto da corsa. Dalla Bmw 328 che vinse la Mille Miglia nel 1940 anche grazie all’efficienza della carrozzeria alle Ferrari 166 e 340 trionfanti alla 24 Ore di Le Mans, Touring ha una lunga tradizione nel disegnare macchine da corsa di straordinaria bellezza.

Louis de Fabribeckers, Carrozzeria Touring Superleggera

Per Louis de Fabribeckers, infine, è molto interessante la formula del salone all’aperto come quello di Torino, perché l’automobile nasce per stare all’aperto: è proprio con la luce naturale che diventa possibile apprezzare le linee della vettura, la pulizia delle rifiniture, la correttezza delle sue proporzioni.

Louis de Fabribeckers, Umberto Palermo e Andrea Levy alla preview del Salone dell'automobile di Torino

Umberto Palermo, designer esponente della nuova generazione, ha annunciato per la prossima edizione del Salone dell’automobile di Torino una importante world premier in casa Up Design: la Fiat 124 Mole. Mentre Luce, esercizio stilistico presentato in occasione del Salone del 2016, sarà sviluppata con un progetto triennale in collaborazione con la Mecaprom della famiglia Regis, per diventare una avveniristica vettura elettrica.

Mole artigianale by Up Design

Cross roads. Incroci Italia-USA in mostra al Mauto

Mauto-Cross-roads-55

 

Alfa Romeo 6C cabriolet della Collezione Lopresto Al Museo Nazionale dell’Automobile di Torino va in scena la mostra “CROSS ROADS  Incroci Italia-USA, dal dopoguerra al boom economico”, con la curatela artistica di Luca Beatrice, quella tecnica del direttore del MAUTO Rodolfo Gaffino Rossi e il patrocinio del Consolato Generale degli Stati Uniti d’America di Milano.

La retrospettiva mette a confronto il contesto socio-culturale italiano con quello statunitense, tra la fine della Seconda Guerra Mondiale e gli Anni Sessanta, approfondendo le reciproche contaminazioni tra arte e Car Design.

Cross roads al Museo dell'auto di Torino: Giovanni Michelotti

«Dopo la mostra dedicata a Giorgetto Giugiaro e il Premio La Matita d’Oro -ha dichiarato Benedetto Camerana, presidente del MAUTO-, CROSS ROADS è un nuovo importante passaggio del lavoro che il MAUTO ha avviato sul design dell’automobile e sulla centralità internazionale della cultura italiana e torinese in questo fondamentale settore dell’ideazione industriale. Il Car Design viene qui declinato nel suo valore di fattore cruciale del dialogo Italia – USA e di processo catalizzatore di movimenti trasversali a tutta la cultura estetica e visiva del dopoguerra».

Il console USA alla inaugurazione di Cross Roads al Mauto

La mostra apre con lo stile inconfondibile della Lincoln Continental 4 porte, berlina del 1965,  la cui storia si intreccia con quella di Presidenti USA e uomini d’affari.

Corrado Lopresto con la sua Lancia Florida al Mauto

Una parte del percorso espositivo è pensata come un viaggio dentro le suggestioni visive, musicali e cinematografiche con un riferimento a quegli autori e artisti che hanno raccontato l’immaginario dell’epoca più rivoluzionaria della Storia del Novecento, da Andy Warhol a Roy Lichtenstein, da Mimmo Rotella a Mario Schifano. Il percorso espositivo illustra lo sviluppo di tre aree tematiche (On the Road e La strada, Cinecittà e Hollywood, Dive & Latin Lover) che spaziano dal cinema alla letteratura, dalla pittura alla fotografia. Sono gli anni di Jack Kerouac e Allen Ginsberg, dell’arte che esaspera  i simboli del consumismo e del mito della City of Angels, ma anche della televisione e della pubblicità che entrano nelle case come una finestra sul mondo e rimandano le immagini della nascente controcultura americana in contrapposizione a un’Italia che inizia a rialzarsi dopo la tragedia della guerra. Il racconto dei grandi paesaggi negli occhi dei giovani americani incontra il tema della ricostruzione e il mito della città industriale, il realismo delle periferie e Pier Paolo Pasolini, le pin-up e James Dean.

Il Museo del'auto ospita la mostra Incroci Italia-Usa

La retrospettiva continua nello spazio dedicato alle automobili, dove tra Buick e Plymouth, Lancia e Alfa Romeo, si sviluppa il vero e proprio confronto tra i car designer italiani e americani che si sono lasciati ispirare da questo contesto socio-culturale.

Vetture americane in mostra al Museo dell'auto di Torino

Da una parte, l’eclettica creatività del design italiano che ha influenzato, razionalizzandolo, lo stile americano proteso a esagerare i volumi e a estremizzare le forme delle vetture: il gusto delle linee pulite e morbide ha moderato le spigolose esagerazioni delle vetture americane dalle grandi code e dai musi ridondanti. Dall’altra parte, la scuola americana, che trova in Harley Earl della General Motors e in Virgil Exner della Chrysler la sua massima espressione, ha rafforzato il connubio tra stile e tecnologia trasformando la modellazione artigianale delle officine italiane in progettazione sistematica e tecnologica: molti furono gli Italiani (da Giovanni Savonuzzi a Giovanni Michelotti, da Mario Revelli di Beaumont a  Battista “Pinin” Farina) che si trasferirono negli Stati Uniti per perfezionare le competenze in ambito tecnologico.

Lancia e Pininfarina per la mostra Incroci Italia-Usa

Le vetture in mostra illustrano questi due mondi: berline e convertibili simbolo del sogno americano e protagoniste dell’immaginario cinematografico di quell’epoca, accanto a  eleganti gioielli prodotti dall’industria automobilistica italiana che dimostrano come l’arte dei carrozzieri italiani ha conosciuto, negli anni del boom economico, uno dei suoi periodi più fertili, tanto da diventare “scuola” e dettare legge al design automobilistico mondiale.

La Cisitalia esposta al Museo dell'auto di Torino

Ospite speciale della serata inaugurale, la Packard Super-Eight 1501 del 1937, facente parte della collezione del Museo dell’auto di Torino e completamente restaurata grazie all’intervento di Nicola Bulgari che, per l’occasione, ha prestato al MAUTO anche 57 modellini originali di vetture americane.

Nicola Bulgari ospite del Museo dell'auto in occasione di Cross Roads

Tra Cadillac e Lancia d’epoca, fotografie e filmati, opere d’arte e manifesti pubblicitari, la mostra Cross Roads resterà aperta sino al 25 giugno 2017.

Le informazioni su orari e biglietti d’ingresso sono disponibili sul sito del Museo dell’auto di Torino.

Puoi vedere alcune immagini della inaugurazione della mostra sulla pagina di OkFoto

Incroci Italia-Usa, la mostra del Mauto di Torino

A Giugiaro il premio Matita d’oro del Museo dell’auto di Torino

Giugiaro--15

Assegnato a Giorgetto Giugiaro il premio Matita d'oro

L’occasione per Giorgetto Giugiaro di raccontare qualche aneddoto della propria vita è stata la cerimonia per consegnargli il premio Matita d’oro, tenutasi ieri sera al Museo dell’Automobile di Torino con la piazza del Mauto piena di ospiti oltre ogni previsione.

La Matita d’oro è il nuovo importante riconoscimento che, ogni anno, sarà conferito dal Museo dell’automobile agli stilisti che più hanno segnato l’evoluzione delle quattro ruote. La prima edizione ha visto protagonista il car designer piemontese celebrato nella mostra retrospettiva “Giugiaro e il suo percorso”, prorogata fino al 12 marzo 2017, dedicata al più illustre tra i car designer italiani, la cui carriera è uno dei migliori esempi  dell’eccellenza italiana nel mondo: una storia di straordinaria creatività .

Innovazione e unicità, arte e concretezza guidano da oltre sessant’anni la mano di Giugiaro, primo progettista integrale dell’auto e  punto di riferimento a livello globale nel settore. Sette lauree ad honorem, sei “Compasso d’Oro”, tre “Auto dell’Anno” e due “Volante d’Oro”: sono solamente alcuni dei riconoscimenti ricevuti nel corso di una carriera che, nel 1999, ha portato 120 giornalisti di tutto il mondo a definirlo il più importante Car Designer del Novecento.

Giugiaro, Camerana e Chiambretti al Mauto per la consegna del premio Matita d'oro

Durante la serata è stato anche assegnato il Premio Speciale 2016 “Artista dell’Auto” ad Aldo Brovarone, decano degli stilisti italiani, a cui si devono – tra molti altri modelli –  due icone automobilistiche come la Dino Berlinetta Speciale (1965) e la Ferrari F40 (1987).

Nato a Garessio il 7 agosto del 1938, in una famiglia di artisti (il nonno e il padre Mario erano pittori che si occupavano di affrescare chiese e palazzi), a soli 14 anni Giorgetto Giugiaro si trasferisce a Torino per seguire corsi di belle arti e studi di progettazione tecnica. Diciassettenne entra nel Centro Stile Fiat come apprendista designer nell’Ufficio stile vetture speciali, chiamato da Dante Giacosa.

Nel dicembre 1959 Nuccio Bertone gli affida la responsabilità di gestire il Centro Stile della sua Carrozzeria. Giugiaro realizza prototipi e modelli di produzione, che entrano nella storia dell’automobile: tra i primi ricordiamo Aston Martin DB4 GT Jet e Maserati 5000 GT del 1961, Ferrari 250 GT del 1962, Chevrolet Corvair Testudo del 1963, Alfa Romeo Canguro del 1964; tra le vetture di serie Alfa Romeo 2000/2600 Sprint del 1960, la BMW 3200 CS del 1961, l’Iso Rivolta 300/340 GT del 1962, l’Alfa Romeo Giulia GT del 1963, la Fiat 850 spider del 1965, la Mazda Luce del 1965, il coupé Fiat Dino del 1967.

 

Ferrari GG50 di Giorgetto Giugiaro

Nel novembre 1965 Giugiaro passa a dirigere il Centro Stile e Progetti della Ghia e in meno di due anni disegna modelli leggendari come la Maserati Ghibli e la De Tomaso Mangusta, prototipi come la Fiat 850 Vanessa, la prima auto rivolta all’utenza femminile e la Rowan Elettrica, la prima auto elettrica concepita da un Carrozziere.

In queste prime tappe della sua carriera c’è già la misura della grandezza del car designer piemontese. Le sue capacità dovevano essere indiscutibili anche se, come racconta Giugiaro, lui si sente un “raccomandato”; infatti fu giovanissimo allievo del professor Golia, zio di quel Dante Giacosa che, notati i suoi disegni  tra i tanti di un’esposizione organizzata al termine dell’anno scolastico dalla scuola frequentata da Giugiaro,  lo fece assumere dalla Fiat.

La stessa capacità  sarà notata da Nuccio Bertone che decide di affidare la responsabilità del Centro Stile a un designer di soli 21 anni. Il quale, se proviamo per un momento a immaginare cosa poteva significare tutto ciò nel mondo di allora, nel 1959 lascia il “posto sicuro” presso la Fiat  per andare a lavorare in una piccola azienda di Grugliasco. Compiendo un passo altrettanto coraggioso sei anni dopo, quando lascerà Bertone per passare a Ghia.

La storia di Giugiaro, a inizio 1968, prosegue con un altro passo molto impegnativo: quando fonda (con il suo amico Aldo Mantovani, un “ingegnere creativo” come lo definisce Giugiaro) la Italdesign, una società concepita per offrire ai costruttori mondiali i servizi di creatività, di engineering e di avviamento alla produzione.

Giugiaro al Museo dell'Automobile per ricevere il premio Matita d'oro

Con questo marchio disegna centinaia di modelli, alcuni entrati in produzione per un totale decine di milioni di auto circolanti. Portano la sua firma le vetture Volkswagen degli Anni ’70 (Golf, Scirocco e Passat). Per il Gruppo Fiat ha creato vetture di successo come le Lancia Delta, Thema e Prisma e le Fiat Panda, Uno, Croma, Punto. Ci sono le Maserati coupé e spider, la Grande Punto, la Fiat Sedici e l’ Alfa Romeo Brera presentata al Salone di Ginevra nel 2002.

Dal 2010 Italdesign Giugiaro entrerà a far parte di Volkswagen Group che, nel tempo, ne assumerà  il controllo totale. Un progetto che dà la misura delle grandi capacità di Giugiaro che, in occasione di una intervista, ebbe a dire: “Decidere di costituire una società di servizi per l’automotive rivolta a tutte le Case italiane ed estere senza seguire il percorso intrapreso nei decenni precedenti dai Carrozzieri torinesi, piemontesi e milanesi, fu un azzardo né più né meno di quello affrontato dai giovani di oggi all’atto di avviare una start-up orientata all’innovazione. In compenso credemmo nelle potenzialità di un Distretto storico, ben strutturato, conosciuto e stimato su scala mondiale. La fama conquistata dai nostri Carrozzieri e dalle decine di atelier che costituivano l’indotto dell’auto poteva in qualche misura certificare il nostro lavoro a condizione che fossimo in grado di competere per qualità, creatività e professionalità. Ma la materia che trattavamo era evidente, conosciuta e apprezzabile da una committenza che operava sotto casa o che era comunque raggiungibile. Le giovani aziende e i giovani nelle aziende oggi operano in un contesto economico e imprenditoriale ben più difficile e diffidente verso il pionierismo. Malgrado i conflitti politici e sindacali di fine Anni Sessanta, allora cavalcavamo l’onda della ricostruzione post bellica sorretti da entusiasmo e voglia di emergere.”

Giorgetto Giugiaro e il figlio Fabrizio al Mauto di Torino

Un Giugiaro che non ti aspetti quello che riceve la Matita d’oro: che racconta di come ami stare con le persone più semplici, anche se nella sua vita ha conosciuto e incontrato persone famose e eccezionali; che ama scorrazzare in moto sulle montagne attorno a Garessio, dove vive; che si dice sorpreso per gli importanti riconoscimenti avuti e che accetta di scherzare su un suo progetto, la Fiat Duna, “la macchina più brutta di tutti i tempi” come gli fa notare Piero Chiambretti nel corso dell’intervista nella piazza del Mauto.

Un Giugiaro che non riesce a nascondere l’orgoglio professionale provato quando, nel 1970, fu chiamato dalla Volkswagen per un progetto che, proprio grazie al successo della sua Golf, avrebbe di fatto consentito al Gruppo tedesco di conquistare le prime posizioni nel mondo dell’automobile.

Giugiaro--58

Sembra invece non voler rispondere alla domanda di come sarà l’auto del futuro: quasi a lasciare intendere che il futuro è fatto di piccoli passi continui. Ma la sua analisi fa riflettere: l’uomo non cambierà, continuerà a dovere salire e scendere dall’auto, a guardare fuori, a controllare ciò che accade sulla strada. I progettisti saranno sempre più aiutati dalla tecnologia, le norme sulla sicurezza saranno sempre più vincolanti, ecc.

Mentre parlava, ripensavo a una delle ultime realizzazioni di Giugiaro: la Gea. Bellissima e confortevole oltre ogni immaginazione. Un “futuro”, quello della Gea, datato 2015: per i successivi sviluppi il futuro dell’auto avrà sempre bisogno di grandi car designer.

Giugiaro--94Guarda l’album della premiazione nelle immagini di OkFoto

FCA Heritage presente a Automotoretrò

fca-heritage-118

Prototipo Alfa Romeo 2600 Zagato

La presenza di FCA Heritage alla recente edizione di Automotoretrò va sottolineata come un fatto importante, tanto più se si considera che, tra i modelli presenti al Lingotto, hanno trovato spazio anche le vetture Lancia. Un progetto, quello di FCA Heritage, che, sotto la guida di Roberto Giolito, sta mettendo in luce l’enorme patrimonio storico del Gruppo Fiat: un patrimonio costituito da preziosi modelli di automobili, ricco di storia e di quella cultura dell’automobile del Gruppo che rischiava di essere dispersa.

Un progetto che rappresenta un ottimo strumento di marketing, come dimostra la presenza di FCA Heritage ai principali Saloni dell’auto d’epoca: dopo il recente Automotoretrò a Torino, FCA Heritage sarà presente a Parigi per Retromobile, dall’8 al 12 febbraio 2017.

Ogni marchio del gruppo FCA ha esposto a Automotoretrò due auto d’epoca: un modello che fu in produzione standard accanto a un prototipo o a un esemplare unico legato alla vettura prodotta in serie.

Le preziose vetture esposte nello stand FCA Heritage erano:

  •    Alfa Romeo 2600 Sprint (1962)
    • Alfa Romeo 2600 SZ Prototipo (1963)
    • Fiat 700 Prototipo (1940)
  •    Fiat 1100 (1948)
    • Lancia Flaminia Coupé (1958)
    • Lancia Flaminia Loraymo (1960)
    • Fiat Abarth 1000 Monoposto Record (1960)
  •   Abarth 1000 Bialbero (1963)

Per la cronaca, accanto allo stand di FCA Heritage c’era quello dedicato alla Maserati, con tre vetture del Tridente (della Collezione Panini) esposte in larghi spazi: peccato che l’accesso fosse riservato a pochi, facendo sì che il pubblico dedicasse maggiore attenzione ad alcuni  modelli della Jaguar  esposti proprio di fronte allo stand Maserati.

FCA Heritage, per onorare il sessantesimo compleanno della Flaminia (nata nel 1957) ha esposto la sempre affascinante coupé disegnata da Pininfarina (1958) e la Loraymo (1960) con cui condivide telaio e motore, vettura personale del famoso designer Raymond Loewy (a cui si devono, tra l’altro, il design della bottiglia della Coca-Cola, del pacchetto di sigarette Lucky Strike, il logo della Shell, della Exxon, alcune auto Studebaker).

Lancia Loraymo allo stand FCA Heritage

La Lancia Loraymo, prodotta in esemplare unico, è basata su uno chassis Flaminia Coupé ed è stata concepita dal designer  Raymond Loewy, che fece realizzare la vettura dal carrozziere torinese Rocco Motto.
L’auto, presentata al 47esimo Salone dell’automobile di Parigi nell’ottobre del 1960 nel color ambra scuro metallizzato che sfoggia tuttora, fu denominata Loraymo, parola formata da parte del cognome e del nome del designer e che corrispondeva all’indirizzo telegrafico dello studio Loewy.
Tra le caratteristiche estetiche più evidenti, l’ampia calandra a griglia racchiusa in una cornice di acciaio cromato che svolge la funzione di paraurti; i parafanghi anteriori arretrati; i fari antinebbia posti al di fuori della carrozzeria; le fiancate leggermente convesse nella parte centrale con un «effetto bottiglia Coca-Cola» che migliorava l’aerodinamica della vettura; l’assenza dell’apertura del cofano del bagagliaio, accessibile solo dall’abitacolo e lo spoiler posteriore sul tetto per ridurre la turbolenza aerodinamica, un sorprendente parallelo con la moderna Stratos di Bertone.

Al Salone dell’auto di Ginevra del 1958 Pininfarina espose un elegante prototipo di vettura coupé –Florida II – realizzato sul telaio (accorciato di 12 cm) della Flaminia berlina; pochi mesi dopo, al Salone di Torino del novembre 1958, venne presentata la versione definitiva della vettura di serie, che sarà prodotta dal gennaio 1959 fino al 1967 (in poco più di 5.200 unità).

Lancia Florida II Pininfarina

Nel mondo delle veloci Gran Turismo degli Anni Sessanta la 2600 Sprint rappresentava l’alternativa Alfa Romeo alla Lancia Flaminia: a fare da contraltare alla versione carrozzata da Bertone nel 1962, a Automotoretrò  era esposto  il prototipo della SZ (1963), realizzato da Zagato e basato sugli stessi organi meccanici.

Le linee della 2600 Sprint scaturirono dalla matita di Giorgio Giugiaro, che già con la 2000 anticipò alcuni degli stilemi caratteristici che avrebbero raggiunto completa maturazione nella famiglia delle Giulia GT. L’unica modifica di rilievo rispetto alla “cugina” con motore due litri è la presa d’aria sul cofano motore, a rendere ancor più aggressivo il frontale.

La matita di Giugiaro per la Alfa Romeo 2600

Il prototipo firmato Zagato fu presentato sullo stand del carrozziere al Salone dell’automobile di Torino del 1963. Il passo era quello accorciato della 2600 Spider, la carrozzeria era caratterizzata da un corpo vettura filante ed essenziale, dalla vistosa coda tronca, leggermente incassata come sulle vetture da competizione, e da un frontale molto caratteristico, dominato da uno scudetto di grandi dimensioni.
Lo stesso prototipo venne presentato sullo stand Alfa Romeo nella successiva edizione del Salone mentre, per vedere la vettura definitiva, fu necessario attendere il Salone di Francoforte del 1965.

FCA Heritage al Salone di Torino
Per il marchio Fiat l’attenzione era concentrata sulle vetture utilitarie: così è stato esposto l’unico prototipo esistente dell’innovativa Fiat 700 (1940), progettato da Dante Giacosa, che avrebbe dovuto posizionarsi sul mercato in un segmento compreso tra la Fiat 500 Topolino e la Fiat 1100, della quale era esposto un esemplare costruito nel 1948.

Nel 1937 Fiat presentò la Fiat 508 C Balilla, modello che, già nel nome, indicava la continuità con la precedente Fiat 508 Balilla.

Due anni dopo, nel 1939, viene presentata la seconda serie, che assume la denominazione commerciale di Fiat 1100 e presenta il nuovo frontale “a spartivento”, già introdotto sulla Fiat 2800. La vettura resta in produzione sin dopo la guerra (1948), costruita in oltre 74.000 esemplari e sei differenti versioni di carrozzeria, tra cui la cabriolet, la berlina a passo lungo per trasporto pubblico e la “S”, una berlinetta due posti dal design aerodinamico presto impiegata in competizioni sportive dai privati.

Fiat 1100 allo stand FCA Heritage

La Fiat 700 fu presentata ufficialmente il 15 maggio 1939, nell’ambito della cerimonia di inaugurazione dello stabilimento Mirafiori, dove la vettura sarebbe dovuta essere prodotta; l’unico prototipo esistente è quello esposto a Automotoretrò e conservato presso il Centro Storico Fiat.

I prototipi della Fiat 700 furono costruiti nella sezione “Carrozzerie Speciali” dello stabilimento del Lingotto;  la produzione fu invece bloccata dagli eventi bellici della Seconda Guerra mondiale.
Abarth era presente con due vetture nel segno della sportività senza compromessi: la 1000 Monoposto Record del 1960, che permise alla Casa dello Scorpione di conquistare ben otto record sul circuito di Monza, e la 1000 Bialbero, che ne ereditò il propulsore.

ABarth 1000 bialbero

L’esemplare della Bialbero esposto è tra i modelli realizzati, a partire dal 1963, dalla carrozzeria Sibona & Basano, che eseguì un accurato restyling della vettura interessando principalmente il muso e la coda – che furono allungati – ed allargando i parafanghi per poter montare pneumatici più grossi. Le vetture così riviste permisero all’Abarth di conquistare il secondo Campionato mondiale Costruttori GT consecutivo nella Classe 1000. Il quattro cilindri di quasi un litro di cilindrata, con una potenza di 104 CV a 8.000 giri/min, consente alla vettura di raggiungere una velocità massima di circa 220 km/h.

La Fiat Abarth 1000 Record, frutto della collaborazione tra Fiat, Abarth, Pininfarina e Politecnico di Torino, presenta un’inedita struttura portante tubolare ed una carrozzeria frutto di accurati studi nella galleria del vento. Per dare una grande dimostrazione di affidabilità e potenza del nuovo bialbero di 1000 cc, Carlo Abarth decise di schierare la monoposto sulla pista di Monza dal 28 settembre al 1° ottobre del 1960, per raggiungere nuovi record nella classe internazionale G (da 751 a 1100 cm3). Alla guida si alternarono 9 piloti che stabilirono i nuovi primati internazionali delle 12 ore, delle 2000 miglia, delle 24 ore, dei 5000 km, delle 5000 miglia, delle 48 ore e dei 10.000 km. La prova continuò fino al 1 ottobre quando si conseguì il record mondiale delle 72 ore, percorrendo 13.441,4 km alla media di 186,687 km/h.
La monoposto venne realizzata interamente nello stabilimento Abarth per quanto riguarda il telaio, il motore egli organi meccanici. La carrozzeria venne allestita da Pininfarina.

Fiat Abarth Record presente a Automotoretrò

L’esposizione Abarth ha voluto essere un tributo postumo alla figura di Mario Poltronieri, recentemente scomparso, storica voce delle telecronache della Formula 1, in precedenza pilota della Casa dello Scorpione e che fece parte del team di piloti impegnati nella conquista dei record sulla pista di Monza .

Uno stand ricco di storia e di fascino che ha raccolto l’interesse di appassionati e collezionisti: a cui farà piacere sapere che, nell’ambito del progetto FCA Heritage, si sta lavorando per riportare alla luce, entro pochi mesi, le vetture storiche del marchio Lancia, da decenni ricoverate in un capannone alla periferia di Torino e non visibili al pubblico ormai da troppo tempo .

Un segnale di ripensamento della decisione di Marchionne di abbandonare lo storico marchio Lancia?

D’altra parte Marchionne da tempo ha annunciato che nel 2018 lascerà la guida del Gruppo FCA: le sue decisioni dei prossimi mesi, inevitabilmente, condizioneranno il lavoro di chi prenderà il suo posto.

FCA Heritage risentirà di questa situazione: solo dopo il cambio dell’amministratore delegato del Gruppo FCA   si potrà capire meglio se la sua funzione sarà di raccontare pagine importanti di una storia dell’automobile che continua oppure di essere custode di una grande storia passata. Staremo a vedere.

Roberto Giolito head of FCA HeritageLe immagini realizzate da OkFoto.it sono disponibili in due album:

Automotoretrò 2017

Automotoracing 2017

 

Il Salone dell’auto di Torino e le residenze sabaude

parco-valentino-36

Pininfarina presente al Salone dell'auto di Torino

I principali eventi della terza edizione di Parco Valentino Salone dell’auto di Torino avranno una cornice regale. Ospitato da sempre nel Parco circostante il Castello del Valentino, il Salone abbraccerà quest’anno altre residenze sabaude: Palazzo Reale, Palazzo Madama, la splendida Palazzina di caccia di Stupinigi e, nell’ultima giornata, la Reggia di Venaria. Uno scenario che nessun altro Salone al mondo può vantare.

Salone dell'auto di Torino lungo i viali del Parco Valentino

Le novità annunciate per l’edizione 2017 del Salone dell’auto di Torino, che si svolgerà dal 7 all’11 giugno 2017, sono molto interessanti e contribuiranno a stabilire un nuovo record di visitatori per un evento che, inizialmente, sembrava una scommessa del suo presidente Andrea Levy.

Ecco i particolari.

Auto a guida autonoma

Per la prima volta insieme, in movimento per le strade cittadine su un percorso chiuso al traffico, si svolgerà la dimostrazione delle vetture a guida autonoma. I modelli di automobili con sistemi di self-driving sfileranno nelle vie Lungo Po mostrando al pubblico quanto possa essere considerato vicino il futuro per questo tipo di vetture.

Prototipi e one-off

Automobili oggetti del desiderio degli appassionati, fuoriserie, vetture che costituiscono esercizi di stile: saranno protagoniste di una esposizione esclusiva che le riunirà e le porterà su strada tra appassionati e visitatori, in passerella in un tratto di corso Vittorio Emanuele. Un evento interamente dedicato al design automobilistico che rappresenta una storica grande eccellenza italiana e che il Salone dell’Auto di Torino celebra con la seconda edizione del Car Design Award, premio riservato ai car designer di Case e Centri stile riconosciuto da una giuria internazionale e organizzato dal mensile Auto & Design.

Auto elettriche e ibride plug-in

Un’esibizione riservata alle automobili a emissioni zero e ibride plug-in attualmente in produzione: l’occasione per rendere più condivisibile per il pubblico il discorso sulla mobilità sostenibile. Le automobili elettriche, esposte in piazza San Carlo, percorreranno via Roma e piazza Castello, per una sfilata unica nel suo genere.

auto elettriche esposte al Salone dell'auto di Torino

La passione per il motorsport

 Dal silenzio delle auto a emissioni zero si passerà al suono della passione: saranno ancora le vie Lungo Po lo scenario per la parata delle regine del motorsport. Auto che hanno reso famose le Case automobilistiche: vetture di Formula Uno, rally, auto protagoniste dei campionati GT Turismo e Sport Prototipi. Apripista d’eccezione, ancora una volta, la Lancia D50 con cui Alberto Ascari ha disputato e vinto l’ultimo Gran Premio Parco del Valentino di Formula 1, svoltosi al Parco Valentino dal 1935 al 1955.

Il punto di partenza di Alberto Ascari davanti al Castello del Valentino

Chissà che questa manifestazione non possa essere un primo passo verso la rievocazione storica del Gran Premio di Torino: un evento necessario per mettere Torino al centro dell’attenzione di collezionisti e appassionati delle vetture d’epoca …

Lancia D50 al Gran premio Parco valentino

Gran Premio Parco Valentino

 Contrariamente a quanto annunciato nella conferenza stampa dello scorso ottobre, sarà sabato 10 giugno 2017 (e non la domenica 11) il giorno in cui lussuose supercar e rare auto classiche  sfileranno lungo le strade di Torino, nell’ormai tradizionale bagno di folla che la  manifestazione ha ottenuto nelle precedenti edizioni. Oltre 200 equipaggi si daranno appuntamento al mattino in piazza Vittorio  per l’esposizione. Nel pomeriggio, con un percorso che si snoderà per l’intera città di Torino, le auto raggiungeranno la Palazzina di Caccia di Stupinigi, suggestiva residenza sabauda, spettacolare cornice per ospitare le vetture partecipanti al Gran Premio.

Qui puoi vedere le immagini della edizione 2016

Le auto del Gran Premio in piazza Vittorio a Torino

Supercar italiane e tedesche in mostra

 Domenica 11 giugno 2017 sarà il momento di accendere i “fari” su un’altra residenza sabauda, la Reggia di Venaria, per l’ennesima sfida Italia – Germania. Questa volta a sfidarsi saranno le vetture più belle di ogni tempo che daranno vita a Passione Italiana e Deutsche Performance: un concorso di bellezza di automobili che saranno in esposizione tutto il giorno e tra le quali il pubblico sceglierà le Best in show.

Una sfida certamente molto sentita dagli appassionati di automobili: sia per i recenti ripetuti successi della Mercedes contro la Ferrari in F1, sia per le polemiche tra Volkswagen e FCA per il diesel-gate, oltre che per alcuni marchi della storia dell’automobile italiana che, dopo avere costruito un mito sotto il Tricolore, sono passati sotto insegne tedesche (Lamborghini per fare un esempio) nel disinteresse dell’industria nazionale.

A margine del Salone, Torino Esposizioni (sede storica del Salone dell’automobile di Torino) ospiterà un’esposizione di alcuni dei pezzi della Collezione Bertone, acquistata dall’ASI nel settembre 2015 per circa 3,5 milioni di euro e ancora senza una sede per l’esposizione permanente.

modelle e modelli di auto al Parco Valentino

Le premesse per un’edizione da record ci sono tutte; il lavoro degli organizzatori è stato impegnativo per sfidare il Salone di Ginevra, come dichiarato da Andrea Levy: “Anche nella terza edizione in primo piano ci saranno le novità di mercato, la visione dello stile del futuro creata dai Carrozzieri e la passione dei collezionisti privati. L’intera città di Torino sarà teatro di eventi dinamici unici per il pubblico, in cui sono protagoniste le automobili che abbracciano le nuove tecnologie disponibili oggi. Si tratta normalmente di auto visibili in versione statica, e proprio per questo abbiamo chiesto alle Case automobilistiche di mostrare al pubblico cosa sia realmente disponibile oggi. Il Salone dell’Auto di Torino raddoppia, con la sua versione in movimento, e ci aspettiamo di superare nel numero di contatti il Salone di Ginevra”.

 Il Salone dell’Auto di Torino conserva i punti di forza del suo format: ingresso gratuito e orario dalle 10 alle 24, per favorire l’accesso al pubblico formato da famiglie, giovani e donne. Ricordiamo che per visitare il Salone dell’Auto Parco Valentino è necessario scaricare il biglietto gratuito elettronico, disponibile sul sito , biglietto che garantirà anche l’ingresso agli eventi collaterali, lo sconto Trenitalia per arrivare a Torino da tutta Italia durante i giorni della manifestazione, la possibilità di prenotare i test drive, gli sconti nei negozi affiliati e nei Musei cittadini.

le auto esposte in piazza Vittorio in occasione del Salone dell'auto