Automotoretrò 2019 celebra la leggenda Abarth

Comincia il conto alla rovescia per Automotoretrò e Automotoracing, le due rassegne dedicate al motorismo storico, al mondo delle corse e delle alte prestazioni che, dal 31 gennaio al 3 febbraio 2019, tornano al Lingotto Fiere e all’Oval di Torino. In particolare, la giornata di giovedì, dalle 15 alle 20, sarà dedicata alla stampa e ai collezionisti che vorranno approfittare delle prime ore d’apertura alla ricerca dei modelli più pregiati in vendita o dei pezzi più ricercati avendo così la possibilità di effettuare trattative riservate e un tour in anteprima tra gli stand.
 

Abarth 2000 in pista
Abarth 2000


Il primo appuntamento del 2019, all’insegna delle due e quattro ruote, porterà a Torino appassionati, addetti ai lavori e piloti, per ammirare gioielli del passato, supercar e bolidi da competizione in un lungo fine settimana dedicato ai motori. I due saloni  – giunti rispettivamente alla 37a e alla 10a edizione – ospiteranno centinaia di veicoli, un padiglione interamente riservato ad auto e moto messe in vendita da privati e commercianti, le consuete esposizioni dei più prestigiosi “pezzi” negli stand delle case costruttrici e dei numerosi club, il salone delle elaborazioni sportive ed estetiche Expo Tuning Torino, oltre a ricambi difficili da reperire e modellini. L’adrenalina sarà ancora una volta protagonista nell’area esterna, dove sarà allestita la pista: oltre 1.000 metri di chicane, curve a gomito e brevi rettilinei su cui decine di piloti si sfideranno in dimostrazioni di drifting e di rally, derapate controllate ed evoluzioni a due e quattro ruote.
 

Abarth sul tracciato della Cesana-Sestriere


«Auto e moto del passato sembrano non conoscere crisi – ha dichiarato Beppe Gianoglio, organizzatore di Automotoretrò -: lo dimostrano il grande successo di pubblico della precedente edizione, che ha visto la partecipazione di oltre 67.000 visitatori, e le centinaia di trattative private andate a buon fine. Per sottolineare il forte legame tra passato e futuro del settore automotive, nel 2019, puntiamo ad arricchire ancora di più il già fitto programma con nuovi eventi, incontri e raduni, oltre a rafforzare la presenza di costruttori in veste ufficiale».

Abarth record

Automotoretrò 2019 sarà l’occasione per festeggiare i 70 anni di Abarth, con una speciale mostra tematica. Un viaggio alla scoperta delle elaborazioni che hanno contribuito al successo del celebre marchio, fondato a Torino dall’ex pilota Karl Abarth, diventato sinonimo di performance e stile italiano. Grintosa, esclusiva, velocissima, ogni Abarth è stato un piccolo concentrato di tecnologia, capace di far sognare intere generazioni di appassionati delle quattro ruote. Annunciate dagli organizzatori le vetture che sarà possibile ammirare in occasione di Automotoretrò; tra queste sarà possibile ammirare alcuni esemplari delle “Abarth dei record” che, tra il 1956 e il 1966, hanno conquistato numerosi primati mondiali di velocità. Nella seconda area, dedicata alle “Abarth per tutti”, saranno esposte le “piccole bombe” derivate dalle utilitarie Fiat 500, 600 e 850, mentre i più estremi esemplari Sport Prototipo e Gran Turismo affascineranno il pubblico nel settore dell’esposizione riservato alle “Abarth da sogno”. Infine, la rassegna “Scorpione70” sarà il palcoscenico sul quale si potranno incontrare alcuni dei protagonisti che hanno vissuto l’epopea Abarth.

In occasione della 37a edizione di Automotoretrò e della presentazione del libro “Giorgio Pianta, una vita per le corse”, saranno esposte tre vetture che hanno caratterizzato tre distinti periodi della carriera di Pianta, scomparso nel 2014 a 79 anni: la Opel GT Conrero utilizzata alla Targa Florio del 1972, il prototipo della Lancia Trevi Bimotore del 1983 e l’Alfa 155 GTA Superturismo del 1992.

Il brivido della competizione accende Automotoretrò e Automotoracing, che, per il primo anno, portano in pista “La Grande Sfida”: otto tra i più blasonati piloti di fama nazionale ed internazionale, a bordo delle performanti vetture della classe R5 di ultima generazione, e otto campionesse di rally, su Peugeot 208 R2B , si contenderanno il podio della gara. Le due manifestazioni dedicate al motorismo storico e al mondo delle corse e delle alte prestazioni, organizzate da BEA Srl dal 31 gennaio al 3 febbraio presso il Lingotto Fiere e l’Oval di Torino, svelano la prima delle tante novità dell’edizione 2019, che vedrà la velocità protagonista al fianco di berline e moto d’epoca. Scandite dalle cronache di Giovanni Di Pillo – voce dei Mondiali SBK e SuperSport per Eurosport e Virgin Radio -, nelle giornate di sabato e domenica, si alterneranno le prove a tempo ad inseguimento sugli oltre 1.000 metri del tracciato esterno.
In calendario nel week-end ci saranno le esibizioni dei numerosi piloti pronti a sfidarsi in varie specialità, dalle derapate controllate al drifting sulle vetture da rally e sui quad. Tra i tanti campioni che hanno entusiasmato il pubblico nelle ultime edizioni, anche il due volte iridato Miki Biasion, Graziano Rossi, i rallysti Alessandro Perico, Paolo Andreucci e il vice campione italiano Simone Campedelli.

Appuntamento, dunque, tra circa un mese per Automotoretrò 2019. Per maggiori informazioni su biglietti e orari clicca qui

Qui puoi vedere le immagini della edizione 2018

Taggato , , , , , . Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.