IV Concorso attacchi di Tradizione alla Venaria e alla Mandria

cavalli-e-carrozze-460

 

Concorso attacchi di Tradizione alla Reggia di Venaria La Venaria Reale ha ospitato il Concorso  di Attacchi di Tradizione: un evento che, giunto alla sua quarta edizione, consente di ammirare decine di carrozze d’epoca con un centinaio di splendidi cavalli nei Giardini della Reggia e al Parco La Mandria.

Carrozze d'epoca per i concorso della Venaria reale

Un concorso di Attacchi che entusiasma gli appassionati e coloro che si sono recati a passeggiare nel Parco La Mandria e nei giardini della Reggia di Venaria nelle giornate del 17 e 18 giugno.

Cavalli di razza e carrozze d'epoca nel concorso della Venaria reale

I visitatori della Venaria Reale hanno avuto modo di assistere a uno spettacolo non comune legato all’abilità di guida di carrozze di pregio trainate da cavalli di razza, con lussuosi finimenti e curati in ogni dettaglio, con equipaggi eleganti in una cornice particolarmente suggestiva.

Borgo Castello nel Parco della Mandria

Le carrozze si presentano ad attacco singolo, in pariglia, in tandem e tiro a 4. Le tipologie di carrozze sono varie: carrozze di servizio condotte dai cocchieri come Landau, Milord, Calèche, Vis a Vis; carrozze sportive, da caccia e da passeggiata come Break, Dog Cart, Phaeton, condotte dai proprietari; carrozze di utilità come la Pistoiese o il Military un tempo utilizzate da professionisti o ufficiali dell’esercito.

Al Concorso di attacchi di tradizione organizzato dal GIA (Gruppo Italiano Attacchi) e dalla Reggia di Venaria erano presenti anche equipaggi stranieri provenienti da Francia, Polonia, Spagna, Svizzera e Ungheria, a testimoniare che l’evento della Venaria Reale si colloca ormai fra i più importanti del settore in Europa ed è sicuramente tra i più prestigiosi in Italia nell’ambito della Tradizione.

Il concorso di attacchi di tradizione si svolge in tre fasi principali.

In occasione della Prova di Presentazione, che si è svolta il sabato pomeriggio nel Parco Alto della Reggia, ha luogo una sorta di “festa dell’eleganza”, come si richiedeva all’epoca per le uscite in carrozza al parco: parasole sfiziosi per le signore e cappellini da pomeriggio, guanti d’obbligo anche per i passeggeri. Da osservare le livree dei cocchieri, uomini di scuderia in tenuta impeccabile con stivali, cilindro plastron, sempre attenti alle necessità dei cavalli e alle richieste del proprietario, o dei groom, pronti a scendere e risalire agli ordini del cocchiere, anche con la carrozza in movimento.

Eleganza degli equipaggi nel percorso di campagna nel Parco della Mandria

La domenica mattina si svolge il Percorso di Campagna (a cui si riferiscono le immagini di OkFoto.it): si parte dai Giardini della Reggia, con un percorso che si sviluppa attraverso roseti, specchi d’acqua, aiuole fiorite e filari per un tragitto di circa 2 Km e che conduce all’ingresso del Parco La Mandria, dove gli equipaggi -per circa 12 Km- sono immersi nel verde di quella che fu la riserva di caccia dei re sabaudi. Nei pressi degli Appartamenti Reali del Borgo Castello i guidatori effettuano due passaggi controllati (prove di abilità) sotto gli occhi dei Commissari di gara. Infine si rientra nel Parco Basso della Reggia, dove altri tre passaggi controllati mettono alla prova i concorrenti nei pressi della Peschiera e della Fontana d’Ercole.

Il pomeriggio della domenica si apre con la Prova di Maneggevolezza nel Gran Parterre della Reggia, di fronte alla balconata da dove il pubblico può seguire lo spettacolo. I visitatori possono ammirare carrozze e cavalli, la destrezza e la precisione dei guidatori, oggi necessari per vincere un Trofeo, due secoli fa requisiti necessari per districarsi nel traffico delle città e compiere slalom fra decine di carrozze, carri e omnibus in movimento.

Abbiamo seguito le varie edizioni del Concorso attacchi di tradizione; puoi vedere le immagini suddivise per edizione del concorso:

Edizione 2013

Edizione 2014

Edizione 2015

Edizione 2016

Edizione 2017

Concorso attacchi di tradizione alla Reggia di Venaria

Le fotografie del Concorso attacchi di tradizione alla Reggia di Venaria

Giulia Marelli alla Reggia di Venaria

Giulia Marelli alla Reggia di  Venaria

I giardini della Reggia di Venaria e il Parco de La Mandria hanno ospitato nel fine settimana il 1° Concorso internazionale di attacchi di tradizione.

Un evento organizzato dalla Reggia di Venaria in collaborazione con il Gruppo Italiano Attacchi che ha visto la partecipazione di oltre 40 carrozze, altrettanti elegantissimi equipaggi e un centinaio di stupendi cavalli sfilare davanti ai giudici.

Gli spettatori hanno potuto seguire da vicino le varie fasi di giudizio e hanno avuto modo di arricchire le conoscenze di questa specialità grazie al commento di Mario Fenocchio il quale, con molti aneddoti, varie curiosità relative al mondo delle carrozze d’epoca, riferimenti storici e tanta passione ha descritto tutte le principali caratteristiche dei vari tipi di carrozze in concorso.

 

Edgardo Goldoni alla Reggia di Venaria

la passione per gli attacchi di tradizione  non ha età

Tra le tante cose ascoltate con attenzione, quella riferita alla carrozza dello svizzero Albert Sporradli: presente con una Phaeton  costruita a Zurigo, tra il 1880 e il 1890, da Geissberger e  appena restaurata, che -con la precisione tipica degli orologiai svizzeri- è identificata dal numero 926!

Albert Sporradli al concorso carrozze alla Reggia di Venaria l'eleganza del groom al Concorso della Reggia di Venaria

Noi abbiamo vissuto i due giorni del Concorso cercando di trasmettere a chi ci segue lo spirito di un evento molto particolare e forse troppo poco conosciuto dal grande pubblico. Non è facile fare coesistere in un solo evento elementi così differenti tra loro quali la competizione (trattandosi di un Concorso internazionale è comprensibile che tutti i partecipanti abbiano il giusto orgoglio di voler ben figurare), l’eleganza dell’abbigliamento e la cura per i particolari, la bellezza dei cavalli, la bellezza della natura che circonda la Reggia di Venaria, la classe e la signorilità dei partecipanti che conservano il sorriso e le belle maniere anche dopo essere rimasti a lungo sotto il cocente sole di un pomeriggio di luglio o dopo un viaggio in carrozza di oltre 12 chilometri nei boschi e sentieri de La Mandria.

Tutto questo nello scenario barocco della Reggia di Venaria che dà ai visitatori il piacere di vivere.

Sfilata di carrozze davanti alle scuderie juvarriane

sfilata di carrozze d'epoca al concorso di attacchi alla Venaria

Lasciamo quindi ad altri di commentare gli aspetti tecnici: la nostra galleria delle immagini racconta un week end fatto di bellezza e eleganza, di tradizione e signorilità, di cultura e storia.

Fabrizio Del Noce La mostra di cappelli in occasione della festa dell'eleganza

Per le classifiche finali dopo le tre prove del Concorso si rimanda al sito del Gruppo Italiano Attacchi. I vincitori e i partecipanti hanno ricevuto i premi e gli attestati dal presidente de La Venaria Reale, Fabrizio Del Noce, e dal presidente dell’Associazione internazionale degli Attacchi di Tradizione, il  barone Christian de Langlade, coadiuvato dal vicepresidente del Real Club de Enganches de Andalusia, Raimundo Coral.

Concorso attacchi tradizione alla Reggia di VenariaFrancesco Mattavelli alla Reggia di Venaria

Al termine della prima giornata del Concorso internazionale, per sottolineare ulteriormente lo spirito dell’evento, si è svolta una elegante cena nei giardini e l’incantevole scenario della Reggia alle porte di Torino ha ospitato una mostra di cappelli.

Silvia Vacchini alla Reggia di Venaria

Per informazioni sulle immagini : info@okfoto.it

 

Se le immagini hanno destato il tuo interesse, ti ringraziamo se vorrai lasciare un commento.

Carrozze e cavalli da fiaba alla Reggia di Venaria

carrozze-epoca-reggia-venaria

Il fine settimana alla Reggia di Venaria sarà caratterizzato dal 1° Concorso Internazionale di Attacchi di Tradizione. Un evento organizzato in collaborazione con il Gruppo Italiano Attacchi, dopo il grande successo di pubblico della sfilata delle carrozze nei giardini della Reggia di Venaria dello scorso ottobre.

Fiorenzo Erri alla Reggia di Venaria

Due giornate durante le quali sarà possibile ammirare decine di carrozze da favola in un contesto regale: si tratta di carrozze d’epoca trainate da bellissimi cavalli, impegnate in una kermesse che richiede abilità di guida, perfezione, eleganza e un giusto spirito competitivo da parte degli appassionati collezionisti di questi veicoli.  Sfileranno carrozze ad attacco singolo, con due cavalli, con il tiro a quattro.

Carrozze d'epoca sfilano alla Reggia della Venaria Reale di Torino

Numerose le tipologie di carrozze presenti al Concorso: ci saranno carrozze di servizio, carrozze sportive, da caccia e da passeggiata; carrozze di utilità come la Pistoiese o la Dottorina, un tempo utilizzate dai professionisti. I guidatori sono tutti appassionati proprietari dei veicoli; molte di queste carrozze saranno condotte, con grazia e destrezza, da eleganti “signore a cassetta” .

Sarà l’occasione per ammirare l’abbigliamento degli equipaggi, particolarmente elegante e curato, come si richiedeva all’epoca per le uscite in carrozza: parasole sfiziosi per le signore, cappelli da pomeriggio, acconciature sobrie, guanti d’obbligo anche per i passeggeri.

carrozze-epoca-venaria groom in attesa di sfilare nei giardini della Reggia di Venaria

L’attenzione del pubblico sarà rivolta anche alla divisa dei groom, donne e uomini di scuderia, in tenuta impeccabile con stivali, cilindro o mezza tuba, sempre attenti alle necessità dei cavalli e alle richieste del cocchiere in livrea o del proprietario, pronti a scendere e risalire anche con la carrozza in movimento.

 

Il groom accudisce il cavallo in attesa della sfilata

Il programma del Concorso, particolarmente ricco, si sviluppa nelle giornate di sabato e domenica.

 

Nel pomeriggio di sabato 5 luglio, dalle ore 15, le carrozze sfilano sottoponendosi al giudizio di una Giuria internazionale, che valuta la qualità della carrozza, i cavalli, i finimenti e l’eleganza dell’equipaggio.

Una signora a cassetta della berlina di gala a 6 cavalli

Domenica 6 luglio, a partire dalle ore 9, le carrozze percorrono circa 12 chilometri nel Parco della Mandria in una gara di regolarità che si conclude nei Giardini della Reggia di Venaria con prove che misurano l’abilità dei cocchieri. Saranno svolte tutte quelle manovre di guida complesse che, nei secoli scorsi, si dovevano compiere in quotidianamente per strada: saper arretrare, saper guidare a una mano, eseguire corrette volte a destra o sinistra, bere da un bicchiere afferrandolo da un piedistallo, salutare togliendosi il cappello, tutto mentre la carrozza è in movimento.

Nel pomeriggio di domenica, infine, i partecipanti si cimentano in una veloce e spettacolare gimkana: destrezza, prontezza di riflessi e precisione sono requisiti essenziali, come lo erano per districarsi nel traffico delle città fra decine di altre carrozze, carri e omnibus in movimento.

Reggia di Venaria  Reggia di Venaria, capolavoro barocco

A sottolineare l’eleganza della manifestazione, sabato 5 luglio, dalle 18:30, in occasione del 1° Concorso Internazionale di Attacchi di Tradizione, la Reggia di Venaria ospiterà un raffinato ricevimento, rigorosamente con dresscode, con aperitivo e musica.

L’invito recita: “Le signore sono invitate ad indossare i guanti ed il cappello”.

Saremo presenti per un reportage per il nostro sito okFoto: per cortesia, continuate a seguirci; pubblicheremo un album con centinaia di fotografie dei partecipanti.

Se preferite, potete scriverci a info@okfoto.it, vi potremo così avvisare appena l’album sarà disponibile .

Reggia di Venaria: ogni volta, lo stupore della bellezza.

Concorso d’eleganza per auto d’epoca: matrimonio tra storia e bellezza

auto-epoca_097

Bugatti 57 Ventoux
Bugatti 57 Ventoux,  anno 1934
Torino ospita il  Concorso Nazionale di Eleganza per auto d’epoca organizzato dall’Automotoclub Storico Italiano (ASI) dal 6 all’8 settembre 2013.
La Federazione scende in campo per dare ulteriore impulso ad una manifestazione che l’Italia, una delle culle dell’automobilismo mondiale, merita e che  storicamente è di casa a Torino e per rilanciare il più antico Concorso d’Eleganza per Automobili organizzato in Italia. 
La cui prima edizione si svolse 90 anni fa: era il 21 maggio 1923 quando, al Parco del Valentino,  45 splendide vetture sfilarono davanti al Re Vittorio Emanuele III.

castello del Valentino
Il Castello del Valentino
Il concorso venne ripetuto l’anno successivo. Per essere ripreso, dopo una sospensione di quattro anni, il 1° novembre 1928  e riproposto con regolarità fino all’interruzione dovuta all’inizio della seconda Guerra Mondiale.
Il concorso si inserisce in una serie di iniziative che vedono Torino al centro di attività relative al mondo dell’auto storica e del design, che sono state illustrate dall’ASI in sede UNESCO a Parigi, al fine di ottenerne il riconoscimento.
 
Alfa Romeo 6c 2300 B
A Torino operano numerosissimi maestri del design e questa  concentrazione di geniali professionisti, consente all’ASI di costituire una Giuria composta esclusivamente dai più famosi creativi, senza indulgere a pareri di personaggi che non siano operatori del settore.
Il programma della manifestazione offre ai partecipanti la possibilità di vivere alcune ore a contatto con le bellezze e le realtà culturali della città: Museo Egizio, Palazzo Reale, Palazzo Madama, Castello del Valentino, l’Armeria Reale, il Circolo degli Artisti, le bellissime piazza Castello, piazza Carlo Alberto, piazza San Carlo e il gran finale, domenica, alla Reggia della Venaria, sono le tappe di questo lungo week end di motori e bellezze, che consentirà agli appassionati di ammirare le vetture d’epoca in contesti architettonici meravigliosi, che valorizzeranno ulteriormente questi gioielli della tecnologia e del design. 
Lamborghini Miura
Lamborghini Miura, anno 1968
Il Concorso nazionale d’eleganza per le auto storiche celebra così un matrimonio tra la storia dell’automobile e la storia d’Italia, con Torino che, due anni fa, seppe onorare in modo superbo il 150° anniversario dell’Unità d’Italia.
 

Nel post pubblichiamo alcune fotografie riferite a due momenti della manifestazione: il riordino delle vetture al Lingotto e la premiazione delle vetture alla Reggia della Venaria Reale. 

Lancia Dilambda
Lancia Dilambda


Il Lingotto, lo stabilimento Fiat di inizio ‘900 che ha segnato la storia dell’architettura industriale ha costituito una cornice quanto mai adeguata per accogliere questi pezzi di storia dell’ automobile, con un richiamo storico ad una fase di forte sviluppo dell’industria automobilistica torinese.

Alfa Romeo 1900 coupè al Concorso eleganza auto d'epoca
Alfa Romeo 1900 coupè
Per la giornata finale del concorso di eleganza e per le premiazioni è stata scelta la Reggia di Venaria: una cornice reale per automobili da sogno.
Non è stato facile per la giuria scegliere le auto da premiare: tutte meritevoli di vincere. 
Una giuria di veri esperti, guidati da Walter de Silva (responsabile del design del Gruppo Volkswagen) e Aldo Brovarone (il designer a cui dobbiamo, tra le altre sue creazioni,  la mitica berlinetta Ferrari Dino 246) ha assegnato il “best in show” alla Fiat 1500 cabriolet  del 1940,  carrozzata Pininfarina. Facevano parte della giuria Filippo Perini (Lamborghini) e Alberto Fumagalli ( Italdesign Giugiaro).
 
 

Fiat 1500 cabriolet Pininfarina
Fiat 1500 cabriolet Pininfarina, anno 1940
 
 
 
L’album delle immagini del Concorso di eleganza per auto d’epoca di Torino è disponibile sulla  pagina Facebook di Okfoto 
 
 
 
 
 
Alfa Romeo 2500 SS,  anno 1949, particolare
SS type 1 al concorso eleganza auto d'epoca
SS Type 1
Bugatti Ventoux
Bugatti 57 Ventoux, 1934
Fiat 520, particolare
 

Concorso di Fuochi d’Artificio a Montecarlo: annuale festa di luci e musica

montecarlo-fuochi-artificio-59

Un suggestivo particolare dei fuochi d'artificio di Montecarlo

Fuochi d’artificio a Montecarlo: si è celebrata ieri, sabato 6 luglio, la prima serata delle quattro dedicate ai giochi pirotecnici nel celebre principato.

Fuochi artificiali sparati dal molo di Port Hercule, a Montecarloun fiore nel cielo, opera dei maestri dei giochi pirotecnici in gara ogni anno a MonacoOgni anno, infatti, sin dal lontano 1966, si svolge il Concorso Internazionale dei Fuochi d’Artificio piromelodici di Monaco: quattro nazioni presentano un proprio esponente di questa attività, che allestisce uno spettacolo pirotecnico di circa 30 minuti, accompagnato da musiche a tema diffuse dagli altoparlanti disposti intorno a Port Hercule, il celebre porto al centro del principato.

Ieri è stata la volta del Canada: la società Sirius Pyrotechnics ha presentato un gioco di luci ispirato alla brillantezza e allo scintillio dei diamanti, tra l’altro un gioiello ben conosciuto tra gli abitanti di Montecarlo.  Il 26 luglio sarà la volta della Spagna presentare il proprio spettacolo di fuochi artificiali, poi toccherà all’Italia il 9 agosto e chiuderà la Cina il 21 agosto. Tutti gli spettacoli iniziano alle ore 22.00, sono ovviamente gratuiti e si possono osservare da un’infinità di posti intorno al porto (i fuochi vengono sparati dal nuovo molo artificiale semigalleggiante posizionato all’ingresso della baia negli scorsi anni), per la particolare conformazione del territorio che offre diverse terrazze naturali affacciate sullo specchio d’acqua.

una vista laterale dell'edificio ospitante il Casinò di Montecarlogiochi pirotecnici ogni estate al porto di MontecarloUna giuria presieduta dal sindaco di Montecarlo giudicherà il lavoro dei quattro team, ed anche il pubblico potrà esprimere il proprio voto sul sito www.monaco-feuxdartifice.mc.

Il Principato di Monaco – Montecarlo, nel sud della Francia a pochi chilometri dal confine italiano, è conosciuto in tutto il mondo per il suo carattere di esclusività, raffinatezza e prestigio. Da sempre è stato popolato da personaggi del jet-set, celebrità di vari ambiti, ricchi uomini d’affari, attori e star, ultimamente è sempre più frequente imbattersi in persone provenienti dai nuovi centri della ricchezza mondiale, la Russia, i paesi arabi e l’oriente.
La rocca dei Grimaldi domina la baia Condamine e il Port Hercule a Montecarlo

Per soddisfare la voglia di divertimento e svago di vecchi e nuovi avventori, l’amministrazione monegasca è sempre attiva nel proporre un calendario di eventi in grado di incontrare il gusto di tutti. Sicuramente Montecarlo vede il proprio nome abbinato, nell’immaginario collettivo della gente, ai grandi eventi motoristici, il Gran Premio di Formula 1 e il Rallye omonimo. Tuttavia, queste manifestazioni sono una minima parte di ciò che si può vivere sul territorio del Principato, e per togliersi la curiosità è sufficiente visitare il sito ufficiale www.visitmonaco.com per scoprire tutto ciò che offre ogni giorno la programmazione delle manifestazioni, tra cui anche il Concorso di Fuochi d’Artificio.

affascinante gioco di luci lungo la salita dell'Hermitage, a Monaco Monte-carlo