La Ferrari 365 GTB4 (Daytona) compie 50 anni

Daytona-72 copia

La Ferrari Daytona, una delle Gran Turismo più rappresentative della Casa di Maranello, compie 50 anni. Presentata nel 1968 al Salone dell’Auto di Parigi, la Ferrari 365 GTB/4 è universalmente conosciuta come la “Daytona”, nome non ufficiale, assegnatole dai media in onore della vittoria della Ferrari all 24 Ore di Daytona, dove, nel 1967, le vetture del Cavallino Rampante conquistarono i primi 3 posti della dura corsa statunitense con la 330 P4.

La Ferrari 365 GTB/4 (con la  spider GTS/4) è rimasta in produzione fino al 1973 e ha preso il posto della Ferrari 275 GTB/4, da cui ereditava il motore V12.

Design di Pininfarina per la Ferrari Daytona

La versione spider, annunciata al Salone dell’Auto di Francoforte nel 1969, fu richiesta soprattutto per il mercato americano dall’importatore Luigi Chinetti: da quando fu introdotta raccolse il dieci per cento delle vendite riconducibili al modello 365 GTB/4. Inoltre, ad un buon numero di berlinette fu rimosso il tetto rigido per essere convertite in spider: una moda che divenne piuttosto diffusa verso il termine degli Anni Ottanta. La carrozzeria (porte e cofani erano in alluminio) , disegnata da Leonardo Fioravanti per  Pininfarina, ricopriva un telaio a traliccio centrale completamente nuovo. La linea della 365 GTB4 appariva ancora più aggressiva di quella della vettura che aveva sostituito, con la lunga, ampia, affilata parte anteriore, dotata di un grande cofano motore con sfoghi aria gemelli di forma rettangolare che quasi lambivano la cabina di guida, situata in posizione arretrata. Quest’ultima scorreva  fino a raggiungere la coda tronca, dove erano montate una coppia di luci rotonde sopra i due paraurti angolari.

Il motore era  il classico V12 Ferrari portato a 4390,3 cm³ e montato in posizione anteriore longitudinale, mentre il cambio manuale a 5 rapporti era al retrotreno, in blocco col differenziale autobloccante, secondo lo schema transaxle. Il motore alimentato da 6 carburatori a doppio corpo Weber, grazie anche dalla lubrificazione a carter secco, aveva una potenza dichiarata di 352 CV, sufficienti a spingere la Daytona a 280 km/h.

Le sospensioni all’avantreno e al retrotreno ricalcavano lo schema della 275 GTB/4, che al posteriore aveva abbandonato il superato schema a assale rigido per adottare la nuova geometria a ruote indipendenti con quadrilateri

Ferrari 365 GTB4, detta Daytona

La Ferrari Daytona  fu l’ultima supercar della Casa di Maranello prodotta prima che la FIAT assumesse il controllo della produzione di Maranello destinata all’uso stradale  e realizzata con il motore anteriore. Gli sviluppi tecnici degli Anni 70-80 videro la produzione di supercar Ferrari esclusivamente a motore posteriore. Occorrerà attendere fino al 1996 per ritrovare una Ferrari dotata di questa impostazione “classica”, con la Ferrari 550 Maranello.

I limitati numeri della produzione (furono realizzate 1284 berlinette e 122 spider) spiegano l’elevato valore del modello per i collezionisti.

Lo scorso settembre, in occasione di un’asta organizzata da RM Sotheby’s, l’unica versione stradale con carrozzeria in alluminio della Daytona 365 GTB/4 è stata aggiudicata a 1,8 milioni di euro. La vettura, costruita nel 1969, con numero di telaio 12653, era rimasta ferma in un garage del Giappone per 40 anni!

Ferrari Daytona

Oltre alle normali vetture stradali, ci furono tre serie di cinque esemplari da competizione, realizzati per dei piloti privati e costruiti in fabbrica nel reparto “Assistenza Clienti”. All’inizio della produzione, fu anche realizzato un esemplare unico totalmente in alluminio, destinato al North American Racing Team di Luigi Chinetti. La prima serie di cinque esemplari da competizione vide la luce nel 1971 ed aveva la carrozzeria in alluminio. I passaruota erano leggermente allargati, come pure le ruote, e sui parafanghi anteriori erano presenti piccole appendici aerodinamiche. C’era anche un piccolo spoiler anteriore sul fondo del musetto, ma la caratteristica più evidente era la mancanza dei paraurti angolari. La seconda serie, prodotta all’inizio del 1972, aveva il corpo vettura in lamiera d’acciaio con le porte ed i cofani in alluminio, come i modelli stradali, ma i passaruota erano stati notevolmente allargati, per ospitare ruote e gomme ancora più larghe. La terza serie, prodotta all’inizio del 1973, era esteticamente molto simile alla seconda ma aveva anche le porte in lamiera d’acciaio e solo i cofani erano rimasti d’alluminio. Le vetture furono protagoniste nella classe Gran Turismo. Da ricordare che le Daytona Competizione nel 1972 occuparono i primi cinque posti di classe alla 24 Ore di Le Mans del 1972, ripetendo la vittoria di classe in questa gara anche nel 1973 e nel 1974.

Ferrari Daytona compie 50 anni

I 50 anni della Ferrari 365 GTB/4 (Daytona) saranno celebrati, con i 70 anni della Porsche, nella prossima edizione dell’Amelia Concours d’Elegance, in calendario dal 9 all’11  marzo 2018.

 

 

 

Ferrari 330 P4, un mito in mostra al Museo dell’auto di Torino

mauto-22

Museo dell'automobile di Torino e la 330 P4 Ci sono sempre mille buone ragioni per visitare il Museo dell’Automobile di Torino, ma sino alla fine di luglio ce n’è una in più: perché, nella sezione Formula, è ospitata la Ferrari 330 P4 che tutti gli appassionati ricordano vittoriosa sul traguardo di Daytona (USA), con tre Ferrari allineate in parata all’arrivo della 24 Ore di Daytona del 6 febbraio 1967.

 

La Ferrari P4 vincitrice della 24 ore di Daytona

Fu un successo strepitoso: tre vetture ai primi tre posti, sapientemente fatte arrivare affiancate al traguardo dal direttore sportivo Franco Lini. Si trattava di una 330 P4 spider (la numero 23 di Bandini-Amon, ora esposta al Museo dell’automobile di Torino), di una 330 P4 berlinetta (Parkes-Scarfiotti) e di una 412 P (Rodriguez-Guichet).

Fu la risposta della Scuderia di Maranello alla parata di vetture che Ford aveva messo in atto a Le Mans, l’anno precedente, dove le GT40 della casa statunitense avevano vinto la 24 Ore francese. Una sconfitta bruciante per la Casa di Maranello che disponeva di mezzi e risorse di molto inferiori a quelle messe in campo dalla Ford.

330 P4 vittoriosa a Daytona

Perso il Mondiale 1966, Ferrari con Mauro Forghieri si dedicò allo sviluppo della P4 (motore di 4000 cc contro i 7000 della GT 40,  una potenza di circa 450 cv,  con una notevole affidabilità), particolarmente curata sotto il profilo aerodinamico, studiato nella galleria del vento in collaborazione con Pininfarina.

Particolare delle luci della Ferrari 330 P4

Il primo dei quattro esemplari prodotti fu disponibile ad ottobre 1966, in tempo per effettuare  i test sulla pista di Daytona utili a fornire elementi necessari per affinare le qualità della vettura.

Ferrari 330 P4 esposta al Museo dell'automobile di Torino

In quella gara Ford schierò al via sei GT 40 MK II contro le due Ferrari P4 ufficiali (a cui fu affiancata una P3 modificata secondo le specifiche della P4 e affidata al North American Racing Team di Luigi Chinetti) e le due Porsche 910 ufficiali: in totale le vetture che presero il via furono 62!

Il posto di guida della 330 P4 Daytona

Dopo 24 ore di gara, con oltre 4000 km percorsi, la Ferrari 330 P4 di Bandini-Amon si aggiudicò la corsa davanti alla Ferrari P4 di Parkes-Scarfiotti e alla 412 P di Rodriguez-Guichet.

Una vittoria entusiasmante, proprio in terra americana in casa della rivale Ford, che contribuì in maniera determinante alla conquista del Campionato Internazionale Costruttori Sport Prototipi 1967. La Ferrari 330 P4, da allora e per sempre semplicemente “Daytona”, era l’ultimo anello di una serie di vetture sport prototipo costruite a partire dal 1961 in versioni sempre più perfezionate. Il motore a iniezione  della P4, derivato dall’esperienza in F1,  montava tre valvole per cilindro, con doppia accensione e poteva mantenere la sua potenza di ben 112 cavalli per litro per 24 ore, come dimostrato dalle lunghe gare portate a termine senza problemi durante tutta la stagione. Dalla P4 derivarono  i modelli Can Am per le corse dell’omonima serie nordamericana.

La Ferrari 330 P4 di Bandini-Amon

A distanza di quasi mezzo secolo la Ferrari 330 P4 conserva immutato tutto il suo grandissimo fascino: i visitatori del Mauto, per una coincidenza espositiva, hanno la possibilità di vedere come siano cambiati i tratti di vetture così eccezionali. Si passa dalle linee curve e morbide della P4 a quelle estreme e spigolose della Lykan Hypersport.

 

Lykan al Museo dell'auto di Torino

Infatti, in esposizione al Museo dell’auto di Torino c’è la protagonista assoluta dell’ultimo film, il settimo, della saga FAST & FURIOS, diretto nel 2015 da James Wan: la W Motors Lykan Hypersport, supercar made in Dubai, realizzata in serie limitata di soli 7 esemplari. Considerata una delle tre vetture più care di sempre (costa 3,4 milioni di dollari), la Lykan monta un motore 6 cilindri boxer bi-turbo che consente di raggiungere una velocità massima di 395 km/h (e 0-100 km/h in 2,8 secondi), ha le portiere che si aprono controvento. I fari a Led sono ornati da 220 pietre preziose (diamanti e zaffiri) e un display olografico a mezz’aria nell’abitacolo per il sistema di informazione sono solo alcuni dei dettagli che rendono questa vettura un vero e proprio gioiello.

L’azienda W Motors è specializzata nella produzione di veicoli ultra-esclusivi caratterizzati da un design aggressivo, prestazioni eccezionali e finiture opulente. Progettata e concettualizzata a Dubai – dove ha sede l’azienda – questa vettura è il risultato della sinergia di professionalità provenienti da tutto il mondo: il motore è stato sviluppato dai professionisti qualificati del RUF Automobile in Germania mentre lo sviluppo tecnico e l’assemblaggio sono stati garantiti da Magna Steyr Internazionale di Torino.

Il muso della Lykan HypersprtAltre immagini delle vetture in esposizione sono disponibili sulla pagina di OkFoto.it

Il Museo dell’Automobile è aperto il lunedì dalle 10 alle 14; il martedì dalle 14 alle 19; il mercoledì, il giovedì e la domenica dalle 10 alle 19; il venerdì e il sabato dalle 10 alle 21.

Lykan Hypersport al Museo dell'auto di Torino