Partita del Cuore: Raikkonen e Moreno show!

partita-del-cuore-276

La Partita del Cuore 2017 è stata l’ultima partita giocata allo Juventus Stadium: infatti dal 1° luglio lo stadio della Juventus cambierà nome per diventare Allianz Stadium.

Benji e Fede beniamini del pubblico alla Partita del cuore

Una ragione in più per ricordare una bellissima serata dove campioni dello sport e dello spettacolo sono scesi in campo con un obiettivo comune: raccogliere fondi per la ricerca (Telethon e l’Istituto di Candiolo per la ricerca sul cancro saranno i destinatari dei fondi raccolti). Juventus Stadium esaurito con un incasso di circa 477.000 euro, a cui vanno aggiunte le donazioni tramite SMS e telefono fisso al numero 45540, che hanno portato la cifra raccolta a circa 1.3 milioni di euro.

Fans in delirio per Benji e Fede in campo per la Partita del cuore

C’è ancora tempo fino al 6 giugno per donare e cercare di battere il record di raccolta fondi stabilito con la Partita del Cuore del 2015 allo Juventus Stadium: allora furono raccolti circa 2.1 milioni di euro, sarebbe bello arrivare ai 2.5 milioni!

Cassani cerca inutilmente di fermare Moreno

Martedì sera allo Stadium c’erano due spettacoli: uno in campo, con una partita di pallone giocata da tutti con agonismo e voglia di vincere sino all’ultimo minuto; l’altro spettacolo era sugli spalti: con un pubblico meraviglioso, di ogni età, pieno di entusiasmo che ha fatto un tifo che neppure nei derby riesce a raggiungere livelli così elevati! Applausi per tutti, nessuna tensione, nessuna discussione.

Gianni Infantino, Andrea Agnelli e John Elkann giocano la Partita del cuore

In campo i campioni dello sport, dello spettacolo, della finanza e la Nazionale Cantanti hanno dato spettacolo: con il rapper Moreno – subentrato a Alex Del Piero – che ha riconfermato le sue indubbie capacità calcistiche, segnando tre reti, compresa quella del pareggio (5-5) all’ultimo minuto. Una grossa sorpresa è arrivata dall’ex campione del mondo di F1 Kimi Raikkonen, capace di siglare tre reti (e, cosa che accade molto raramente, di mostrarsi persino … sorridente, a soli due giorni dal 2° posto di Monte-Carlo alle spalle di Sebastian Vettel).

Kimi Raikkonen ha segnato 3 reti nella Partita del Cuore

I due ferraristi erano forse tra i più attesi dal pubblico, scesi in campo con la maglia gialla dei Campioni per la ricerca accanto a tanti  personaggi: tra questi il commissario Montalbano (Luca Zingaretti), Massimiliano Allegri, il presidente della Juventus Andrea Agnelli, il presidente di FCA John Elkann, il presidente della FIFA Gianni Infantino, Pavel Nedved, un indiavolato Edgar Davids, Davide Cassani.

Pavel Nedved in azione durante la Partita del cuore

A rafforzare la Nazionale cantanti guidata da Paolo Belli, con Eros Ramazzotti, Benji e Fede a raccogliere applausi ad ogni tocco di pallone, due fuoriclasse come Alex Del Piero, “il capitano”, salutato con una standing ovation come se fosse ancora il numero 10 della Juventus di oggi, e Zvonimir Boban, oltre a Sorrentino in porta.

Eros Ramazzotti in campo con la Nazionale cantanti

Una serata dove hanno vinto tutti: giocatori e pubblico.

Il commissario Montalbano cerca di fermare Boban durante la Partita del cuore

Guarda le immagini della serata nell’album realizzato da OkFoto.it

Juventus Campione d’Italia 2012-2013: le fotografie della festa dei tifosi bianconeri

Juve-scudetto
I giocatori della Juventus sul pullman scoperto

Juventus Stadium: i bianconeri battono il Palermo per 1-0 (goal di Vidal su rigore) e conquistano sul campo quello che per i tifosi bianconeri è lo scudetto numero 31, contro i 29 scudetti riconosciuti dalla Federazione.
Felicità dopo la conquista dello scudetto
E’ il  5 maggio 2013: una data e una vittoria per cancellare definitivamente quello che accadde dopo lo scudetto, il numero 26,  vinto  dalla Juve il 5 maggio 2002. Undici anni fa la Juventus di Lippi vinse sul campo di Udine (2-0, gol di Trezeguet e Del Piero, con Antonio Conte giocatore in campo) mentre all’Olimpico di Roma l’Inter di Moratti  fu sconfitta dalla Lazio.
Scoppiò  Calciopoli e ci furono  le condanne, le penalizzazioni e le radiazioni, gli scudetti assegnati a tavolino. Undici anni dopo quel 5 maggio, il sapore di questo scudetto non è quello della rivincita, ma della conferma.
La Juve si conferma la Signora del calcio ed è tornata, sotto la presidenza di Andrea Agnelli, a essere la squadra che domina e vince i Campionati in Italia. La felicità per i tifosi, per il secondo scudetto consecutivo conquistato dalla squadra guidata da Antonio Conte, è ancor più grande: proprio perché vinto il 5 maggio. In quella squadra giocava Gigi Buffon: oggi guida indiscussa dei neo Campioni d’Italia.
Un tifoso di Ischia alla festa per lo scudetto

 

Una Juventus che lo scorso anno salutò il suo mitico capitano Del Piero; che al momento dell’addio disse:  “i giocatori e gli allenatori passano, la Juve resta”. Alex Del Piero è nei cuori di tutti i tifosi bianconeri: la Juve ha saputo vincere senza di lui, quasi a volergli dare subito atto della sua affermazione.

Sarà adesso la volta di Conte a lasciare la panchina della Juve? Nelle prossime settimane il tecnico juventino incontrerà la dirigenza juventina: poi deciderà.
Le proposte di ingaggio non gli mancano di sicuro. Per adesso i tifosi festeggiano e sognano l’arrivo di quei giocatori necessari per fare un altro passo avanti in Europa.
 La maglia con in numero 3 e l'autografo di ChielliniNel post alcune fotografie scattate in centro città, invasa dai tifosi juventini. Nei prossimi giorni aggiungeremo altre immagini della festa dello scudetto della Juventus.
Tifosi bianconeri in piazza Vittorio per la festa scudetto

Anche i muri possono portare messaggi positivi

Juve-Toro
Imbrattare i muri della propria città non è certo un comportamento esemplare, e come tale va senza dubbio stigmatizzato. Ciò nonostante, tra le tante nefandezze che si è soliti leggere passeggiando qua e là, capita talvolta di imbattersi in un messaggio che è capace di strappare un sorriso.
Torino, portici di corso Vittorio Emanuele, quasi all’altezza della stazione ferroviaria di Porta Nuova, la scritta sul muro recita così: “Del Piero forever! Ma… W granata!”
Non c’è che dire, un bel segnale di un tifo ancora genuino, dove il gusto per l’estetica del calcio supera le contrapposizioni e l’appartenenza ai colori di una o dell’altra squadra.
E allora, che questo messaggio sia un bel segnale di distensione in vista del prossimo derby Toro-Juve, in programma allo Stadio Olimpico di Torino tra poco più di un mese.

Alex Del Piero lancia una nuova sfida: crea un team e si iscrive alla 24 ore di Le Mans!

alex1
Alessandro Del Piero scende in campo, anzi in pista.
 
Il leggendario ex capitano della Juventus, attualmente impegnato nel campionato australiano con il Sydney FC, ha deciso di mettersi alla prova anche negli sport motoristici, e lo farà in grande stile. Insieme all’attore americano Patrick Dempsey (protagonista della serie tv Grey’s Anatomy), infatti, darà vita ad un nuovo team automobilistico sportivo, che si chiamerà appunto “Dempsey/Del Piero Racing”. 
 
Il nuovo team, appena costituito, non nasconde le proprie ambizioni, anzi parte subito alla grande dato che è già stata presentata la richiesta di iscrizione alla prossima edizione della 24 ore di Le Mans ed al campionato “American Le Mans Series” con almeno due vetture.
 
Del Piero, va detto, non sarà al volante delle proprie vetture, dove invece siederà il suo socio Dempsey (gli altri piloti saranno Joe Foster e Michael Avenatti); Alex si cimenterà nel ruolo di team manager, magari anticipando quello che in futuro potrà essere un ruolo da allenatore nel calcio. 
 
“Siamo entusiasti di questa alleanza con Alessandro e di competere ai livelli più alti delle gare automobilistiche,” – ha dichiarato Dempsey. “La passione di Alessandro per la vittoria e le sue qualità di leadership sono inestimabili e giocheranno un ruolo centrale per lo sviluppo e guida del team”.
 
“Fin da piccolo ho sempre nutrito grande passione per lo sport automobilistico” dice Del Piero. “Sono elettrizzato dall’opportunità di fare squadra con Patrick. Ci aspettiamo di competere a livelli molto alti ed il nostro focus sarà fin da subito quello di vincere il campionato mondiale ALMS”.
 
Al momento non sono ancora state rese note le caratteristiche della vettura che correrà per il team e non si conoscono gli sponsor dell’iniziativa.

Alex Del Piero, l’ultima linguaccia con la Juve

Del Piero festeggia l'ultimo gol con la maglia della Juve

Tra 48 ore, la Juventus campione d’Italia scenderà in campo allo Juventus Stadium contro il Parma, per la prima partita del campionato di Serie A 2012-2013. Sorte ha voluto che si tratti dello stesso incontro che, l’anno scorso, segnò l’inizio della stagione e della trionfale corsa allo scudetto dei bianconeri. A questa analogia fa però da contraltare una storica differenza tra il match di 12 mesi fa e quello di sabato prossimo: dopo 19 anni, infatti, per la prima volta Alessandro Del Piero non farà parte dei componenti della squadra juventina. L’addio si è celebrato pochi mesi fa; era il 13 maggio, una giornata insolitamente grigia e freddina per la stagione primaverile, un’atmosfera che ben si addiceva a salutare l’ultima partita in maglia bianconera – per la verità rosa, nell’occasione – del “Capitano”. L’incontro, Juventus – Atalanta per la cronaca, è passato in secondo piano, dato che quel giorno c’era da festeggiare lo scudetto appena conquistato e, allo stesso tempo, versare qualche lacrima ricordando i 19 anni in cui Alex ha dimostrato di essere un personaggio speciale nel mondo del pallone, un vero uomo in un mondo spesso popolato da personaggi di dubbio spessore morale. Anche quel giorno, Del Piero ha scelto di salutare i tifosi a modo suo, con un gol “alla Del Piero” e con la linguaccia celebrativa, che ormai sarà purtroppo solo un ricordo per tutto il popolo juventino.

Del Piero festeggia il suo ultimo gol con la Juve
Alex festeggia il gol del 2-0 contro l’Atalanta

Su www.okfoto.it altre immagini della festa.