Cerimonia di consegna degli alamari agli Allievi Carabinieri della Caserma Cernaia

carabinieri-188

Consegna degli alamari per gli allievi carabinieri del 136° corso della Cernaia

Nella piazza d’armi della Caserma Cernaia di Torino, sede della Scuola Allievi Carabinieri, si è svolta la tradizionale cerimonia del conferimento degli Alamari per gli allievi del 136° corso, dedicato alla memoria del carabiniere Vittorio Tassi, Medaglia d’Oro al Valor Militare alla memoria.

La bandiera della Scuola Allievi Carabinieri di Torino, Caserma Cernaia

Sono 201 i militari, tra cui venti donne, che hanno giurato fedeltà alla Repubblica nel cortile della storica caserma di via Cernaia. La caserma Cernaia venne progettata per essere la sede della Legione Allievi del corpo dei Carabinieri Reali e prese il nome dalla vittoriosa battaglia avvenuta il 16 agosto 1855 tra le forze franco-piemontesi e quelle russe nell’ambito della guerra di Crimea (1853-56). Il nome Cernaia, infatti, deriva dalla parola russa che significa “nero” ed indicava il nome del corso d’acqua che scorreva nella pianura teatro degli scontri. La caserma venne edificata nel 1864 su un terreno appena reso libero dalla completa demolizione delle fortificazioni urbane (delle quali rimangono oggi tracce nel mastio della Cittadella), mentre la nuova  via omonima era stata aperta nel 1855 in seguito ad una parziale demolizione delle fortificazioni. Il progetto originale fu presentato dal colonnello Barabino e modificato in seguito dal generale Giovanni Castellazzi. L’edificio ha mantenuto nel tempo la sua funzione originale.

Sfilano gli allievi carabinieri del 136° corso della Caserma Cernaia

Alla cerimonia erano presenti il ministro per gli Affari Regionali Enrico Costa, che fu allievo presso la Caserma Cernaia, il comandante dell’Arma dei Carabinieri, generale Tullio Del Sette (che ha ricordato la sua permanenza a Torino nel ruolo di comandante provinciale dei Carabinieri) e il comandante delle Scuole Carabinieri, generale Carmine Adinolfi.

Caserma Cernaia: cerimonia di consegna degli alamari

Ad apporre gli alamari, simbolo di appartenenza e di continuità storica che lega ogni militare all’Arma dei Carabinieri, i familiari dei giovani allievi. La cerimonia si è conclusa con la sfilata dei carabinieri del 136° Corso nella piazza d’Armi della caserma, di fronte alle autorità civili e militari e ai numerossissimi parenti, al suono delle musiche eseguite dalla Fanfara del 3° Reggimento Lombardia.

Il gen. Tullio Del sette consegna gli alamari agli allievi carabinieri del 136° corso presso la Caserma Cernaia di Torino

Come sempre accade in questa cerimonia, ci sono due momenti principali: il primo, istituzionale, con i militari schierati, i discorsi dei comandanti e la celebrazione dell’evento; il secondo, dopo la consegna degli alamari e il “rompete le righe” per le donne e gli uomini che hanno ricevuto gli alamari, con tanta emozione da parte degli Allievi e dei loro familiari.

Il comandante dei Carabinieri gen. Tullio Del sette alla caserma Cernaia di Torino

Abbiamo raccolto nell’album di OkFoto.it le immagini della cerimonia, incluso un momento molto particolare: una dichiarazione d’amore (e la promessa di un “sì”) da parte di uno degli Allievi del 136° corso alla sua compagna.

Scuola allievi carabinieri di Torino: "rompete le righe"

Carabinieri, la cerimonia per la consegna degli alamari agli Allievi del 130° Corso

carabinieri-sfilata-Torino

sfilata dei Carabinieri a Torino

Nella Caserma “Cernaia” di Torino, sede della Scuola Allievi Carabinieri, si è svolta la cerimonia di conferimento degli alamari ed il giuramento degli Allievi Carabinieri effettivi del 130° Corso intitolato alla “M.O.V.M., alla memoria, Appuntato Sabato De Vita”, nonché la celebrazione della “Giornata in onore delle Medaglie d’Oro al Valor Militare”.
 

Commozione negli occhi dei Carabinieri

Alla presenza del Comandante della Legione Allievi Carabinieri di Roma, generale Bacile, gli Allievi Carabinieri hanno giurato fedeltà alla Repubblica, alla tradizione e alla continuità di valori dell’Arma.
 

 

Erano presenti alla cerimonia molte autorità: dal procuratore capo Maddalena al presidente del Consiglio regionale Cattaneo, all’assessore della Regione Coppola, a quello dello sport di Torino Gallo. Numerosi ed emozionati erano i parenti degli Allievi schierati nella piazza d’armi della “Cernaia”.

 

caserma Cernaia: giuramento degli Allievi Carabinieri

 
La manifestazione è iniziata con lo schieramento dei reparti in armi preceduti dalla Fanfara del III° Battaglione Carabinieri Lombardia. Molti momenti hanno caratterizzato la manifestazione: a cominciare da quando il colonnello Frasca, Comandante della Scuola, dopo aver chiamato a sé la  Bandiera della Scuola, ha ricevuto il giuramento individuale di fedeltà alla Patria da parte di un Allievo in rappresentanza degli altri Allievi schierati.

 

 
La consegna degli alamari è stata fatta ai migliori tra gli Allievi dal generale Lavacca, comandante della Legione Piemonte e Valle d’Aosta, dal generale Bacile, dal colonnello Frasca e dai suoi ufficiali. Per tutti gli altri Allievi sono stati i parenti stessi a procedere alla consegna: con moltissima e sincera partecipazione, con affetto e orgoglio.
 

 

rompete le righe

 

 

 

 

Al termine della cerimonia i reparti sono sfilati in parata davanti alla Bandiera della Scuola ed ai Gonfaloni della Città di Torino, decorato di Medaglia d’Oro al Valore Militare, della Provincia di Torino, decorato di Medaglia d’Oro al Merito Civile e della Regione.Infine il “Rompete le righe”: seguito da un lungo e commosso applauso del pubblico.
 

 

Un giovane carabiniere emozionata durante la cerimonia del giuramento
la Fedelissima

A fine settembre 2013, i Carabinieri che stamane hanno ricevuto gli alamari saranno trasferiti sia nelle stazioni Carabinieri dislocate su tutto il territorio nazionale che nei reparti delle diverse organizzazioni dell’Arma.
 
Trovate le foto della cerimonia sulla nostra pagina Facebook  e Google+ (http://plus.google.com/1  10067585513529829725/posts) (contatti su www.okfoto.it ).
Bandiere tricolori circondano un militare dell'Arma